Buongiorno,

L’incontro fra XI e Trump al G20 in Argentina non ha prodotto alcuni effetti giudicati positivi dal mercato:

  • dal primo gennaio 2019 non scatteranno nuovi dazi verso la Cina;
  • verranno mantenuti quelli attivi al 10%;
  • vi sarà una tregua di 90 giorni dal primo gennaio durante i quali proseguiranno i colloqui;
  • solo se dopo questi colloqui non ci saranno nuovi accordi, allora scatteranno le sanzioni;
  • Xi non bloccherà un nuovo accordo Qualcomm NXP se questo verrà riproposto.

Inoltre la  Cina si impegna a compensare le esportazioni con importazioni di prodotti agricoli ed energetici dagli USA.

I mercati premiamo questo compromesso con acquisti di equity piuttosto significativi. Ciò allontana il pericolo di un breakout dei livelli critici messi a fuoco nei giorni precedenti riportando l’attenzione sui valori  opposti all’attuale range.

Il dollaro subisce significative vendite contro yuan renminbi con un ribasso dell’1% dopo aver oscillato a lungo sotto la soglia 6,95/7 usd cny.

Di conseguenza l’eur cny prosegue la fase di declino così come anticipata nei nostri studi pubblicati per il servizio di Risk management.

L’eur usd si apprezza sino a spingere i valori a ridosso dell’area 1.1370 dove questa mattina collochiamo il transito della prima soglia di resistenza. Per questa settimana abbiamo fissato un range tra 1.1245 eur usd nella parte inferiore ed 1.1470 in quella superiore.  La scorsa settimana il cambio ha chiuso al valore più basso dal mese di luglio 2017.  Il nostro scenario di base rimane riflessivo.

Nel frattempo lo spread, come fortemente indicato nei nostri studi, scende oggi sotto quota 8287 avviando il ritracciamento verso 240 del differenziale tra il 10 anni Germania ed Italia. Ciò darà impulso al FTSE Mib ed al comparto banche.

 


GLI EVENTI DI OGGI

 

MANOVRA ITALIA – Sono proseguiti nel fine settimana i segnali di distensione tra Roma e Bruxelles sulla manovra di bilancio. Dal G20 di Buenos Aires, dove con Tria ha incontrato Juncker, Conte ha lanciato messaggi di ottimismo sulla possibilità di arrivare ad una soluzione, evitando la procedura d’infrazione per debito eccessivo.

Bruxelles punta ad un compromesso che consenta di portare il target del deficit/Pil 2019 a 1,9-2% da 2,4%, ricostruzione confermata da alcune dichiarazioni di Tria riportate oggi dai alcuni quotidiani.

Tale punto di caduta potrebbe essere digerito non senza difficoltà da Di Maio e Salvini, i cui toni si sono fatti ultimamente più dialoganti ma che dovranno accettare un qualche ulteriore ridimensionamento delle misure bandiera, ovvero reddito di cittadinanza e ammorbidimento dei criteri per l’accesso alla pensione. Ieri intanto, i due vicepremier hanno diramato una nota congiunta di sostegno a Conte, affidandogli il ruolo di negoziatore con Bruxelles, mentre Tria, osserva La Stampa, pare messo nell’angolo.

In giornata, sempre secondo quanto riportato dai giornali, potrebbe tenersi un nuovo vertice di governo sulla manovra, il cui testo questa settimana sbarcherà alla Camera. Della manovra italiana discuterà a Bruxelles l’Eurogruppo, cui prenderà parte il ministro dell’Economia, che ha all’ordine del giorno proprio una valutazione dei piani di bilancio degli stati membri.

 

TREGUA USA-CINA SU DAZI – Cina e Stati Uniti hanno siglato una tregua nella disputa commerciale dopo l’incontro tra Trump e Xi Jinping sabato a margine del G20. Gli Stati Uniti manterranno dazi del 10% su 200 miliardi di dollari di merci cinesi ma la Casa Bianca ha scelto “per il momento” di non operare un rialzo al 25% a partire dal primo gennaio 2019.

 

ESITO G20 – Nel comunicato finale gli Stati Uniti hanno ottenuto che non venisse inserita una condanna del protezionismo, mentre si fa accenno alla necessità di rivitalizzare il commercio internazionale e il Wto. Washington ha inoltre ribadito che non intende rispettare l’accordo sul clima di Parigi, al contrario degli altri Paesi.

 

PMI MANIFATTURA ITALIA – Riflettori puntati sull’indagine congiunturale sull’attività del manifatturiero italiano, per cui è previsto un proseguimento della contrazione con l’indice Pmi in ulteriore calo a 48,8 da 49,2 di ottobre. Il dato arriva in un contesto che vede addensarsi nubi minacciose sull’economia, dopo che Istat ha rivisto al ribasso il dato sul Pil nel terzo trimestre 2018 a -0,1% su trimestre (da zero della prima stima) e +0,7% (da +0,8%) su anno. Una battuta d’arresto che ha riflessi negativi sulla conclusione del 2018 che, secondo Confindustria, rischia di essere archiviato con una recessione tecnica, e sulle prospettive per il prossimo anno. Gli economisti concordano sul fatto che nel 2019 la crescita non solo non raggiungerà l’1,5% ipotizzato dal governo, ma si fermerà sotto l’1%.

 

PMI MANIFATTURA ZONA EURO – In arrivo anche le indagini congiunturali sulla manifattura delle altre principali economie europee e della zona euro nel suo complesso. La stima flash del blocco, diffusa il 23 novembre, mostrava un rallentamento dell’attività del settore a 51,5 da 52,0 di ottobre.

 

VOTO ANDALUSIA – Il partito di estrema destra Vox ha conquistato 12 seggi nell’assemblea della regione spagnola e potrebbe rivelarsi decisivo nella formazione del governo locale. Per la prima volta dalla fine della dittatura franchista, alla fine degli anni Settanta, un partito nazionalista si fa avanti in Spagna, Paese finora immune ad una tendenza emersa in tutta Europa.

 

PMI MANIFATTURA CINA – L’indice Markit/Caixin relativo all’attività della manifattura è passato a novembre a 50,2 da 50,1 di ottobre, mentre le attese erano per una frenata a 50, soglia che separa la contrazione dalla crescita. L’attività del settore ha mostrato dunque una lieve accelerazione del ritmo di crescita, che resta comunque debole, mentre gli ordini dall’estero hanno ampliato il loro declino, colpiti dalle tensioni commerciali con gli Usa.

 

PMI MANIFATTURA GIAPPONE – L’attività del settore manifatturiero ha mostrato a novembre un ritmo di crescita inferiore rispetto ad ottobre, secondo i dati finali dell’indagine Markit/Nikkei. Il Pmi si è attestato a 52,2 da 52,9 di ottobre, risultando migliore rispetto alla lettura flash (51,8), ma toccando comunque il minimo da agosto 2017.

 

FOREX – L’euro è in rialzo sul dollaro e sullo yen, entrambi appesantiti dalla tregua tra Cina e Usa sui dazi, che ha ridato fiato all’appetito di rischio. Intorno alle 7,30 la valuta unica sale a 1,1365 dollari da 1,1315 della precedente chiusura e a 129,00 yen da 128,45. Dollaro/yen stabile in area 113,50.

 

GREGGIO – I segnali di distensione tra Usa e Cina sui dazi spingono in deciso rialzo le quotazioni petrolifere. I future sul Brent salgono di 2,69 dollari al barile a quota 62,13; i derivati del Nymex salgono di 2,51 dollari a 53,44 dollari al barile.

 

TREASURIES – Obbligazionario statunitense in calo sulle piazze asiatiche, in un clima di propensione al rischio determinato dalla tregua tra Washington e Pechino sui dazi. Il rendimento del decennale benchmark sale a 3,046% da 2,993% della chiusura.

 

DATI MACROECONOMICI

ITALIA

Markit, Pmi manifattura novembre (9,45).

Ministero Trasporti, dati auto novembre (18,00).

Tesoro, atteso fabbisogno settore statale novembre.

 

FRANCIA

Pmi manifattura finale novembre (9,50).

 

GERMANIA

Pmi manifattura finale novembre (9,55) – attesa 51,6.

 

GRAN BRETAGNA

Pmi manifattura novembre (10,30) – attesa 52.

 

GRECIA

Pmi manifattura novembre (10,00).

 

SPAGNA

Pmi manifattura novembre (9,15).

 

ZONA EURO

Pmi manifattura finale novembre (10,00) – attesa 51,5.

 

USA

Pmi manifattura finale Markit novembre (15,45).

Spese costruzioni ottobre (16,00) – attesa 0,4% m/m.

Ism, Pmi manifattura novembre (16,00) – attesa 58,0.

 

ASTE TITOLI DI STATO

EUROPA

Germania, Tesoro offre 2 miliardi Bubill scadenza 19/6/2019.

Olanda, Tesoro offre titoli Stato Dtc.

 

USA

Washington, Tesoro offre 39 miliardi dollari titoli Stato 13 settimane 7/3/2019 e 36 miliardi titoli Stato 26 settimane 6/6/2019.

 

BANCHE CENTRALI

ITALIA

Banca d’Italia pubblica ITA-coin novembre.

 

EUROPA

Svezia, riunione board esecutivo Riksbank (9,00).

Zona euro, intervento Coeuré (Bce) a riunione Eurogruppo a Bruxelles.

Zona euro, intervento Nouy (Bce) a Bruxelles (9,45).

 

USA

New York, vicepresidente Fed supervisione Quarles partecipa a sessione Q&A su outlook economico, inflazione e politica monetaria (14,00).

New York, intervento presidente Fed New York Williams (15,15).

New York, intervento consigliere Fed Brainard (16,30).

Laredo, intervento presidente Fed Dallas Kaplan (19,00).

 

APPUNTAMENTI

ITALIA

Roma, Aspen Institute Italia “US-Italy Dialogue, the Economics of the Bilateral Relationship” aperto alla stampa intervento Moavero Milanesi (9,00); segue a porte chiuse con sottosegretario MiSE Geraci, Calenda, Montanino, Siniscalco.

Firenze, giornata di studi “L’Unione Europea tra riforme economiche e problemi politici” con presidente Abi Patuelli (15,00).

Monza, Assolombarda-PwC presenta ricerca “Top500+” con Giorgetti (17,00).

S. Donato Milanese, inizia 124° consiglio nazionale Fabi, celebra 70° “Nothing about us, without us, is for us”, termina il 5 dicembre; tavola rotonda di apertura “Una crisi infinita” con Tajani, Patuelli, Guzzetti. Chiusura mattinata con dibattito sulla revisione della legge Fornero. Nel pomeriggio dibattito su “Il lavoro prima di tutto” con sottosegretario Economia Villarosa, presidente Commissione Finanze del Senato Bagnai; conclusioni Sabatini.

 

EUROPA

Bruxelles, riunione Eurogruppo.

Bruxelles, conferenza stampa Stoltenberg (11,00

Buongiorno,
TASSI FED – Federal Reserve ha confermato a 2-2,25% il riferimento per il costo del denaro e rimane orientata a guidare gradualmente i tassi d’interesse verso l’alto, procedendo ad una nuova stretta a dicembre, alla luce di un’economia in buona salute, la cui unica ombra è rappresentata da un rallentamento della crescita degli investimenti.
Il consiglio della Fed conclusosi ieri sera non cambia linea rispetto alla traiettoria tracciata in merito al percorso di normalizzazione della politica monetaria.  L’eur usd conferma in tal modo le attese riflessive riportando velocemente i valori in direzione della parte bassa del range che attualmente governa le negoziazioni. Andremo quindi a testare nuovamente i minimi in area 1,13 per la terza volta in poche settimane. Ricordiamo che, secondo le nostre stime,  la violazione di 1.13/1.1270 introduce le contrattazioni all’interno del range 1.13/1.03 eur usd.  I nostri target riportano a seguito del breakout un primo livello a 1,12 ed uno successivo in area 1.07/06.
FOREX – Dollaro in rialzo nei confronti dell’euro, sostenuto dall’esito del comitato di politica monetaria di Federal Reserve, che appare orientato ad una nuova stretta del costo del denaro a dicembre. Intorno alle 7,20 la valuta unica scivola a 1,1343 dollari da 1,1362 dollari della precedente chiusura; il biglietto verde perde leggermente terreno su yen a 113,94 da 114,06 della precedente chiusura; euro/yen 129,26 da 129,60.

WB RISK MANAGEMENT: EUR USD WEEKLY MOMENTUM

WB RISK MANAGEMENT: EUR USD WEEKLY MOMENTUM

BCE – Possibili spunti potrebbero arrivare da un intervento di Coeuré in mattinata. Da Dublino, intanto, ieri Draghi ha minimizzato la debolezza emersa di recente da una serie di dati macro, lasciando intendere che l’espansione della zona euro è destinata a continuare. Draghi ha inoltre sottolineato che le linee guida di politica monetaria non sono scritte nella pietra ma possono essere modificate se necessario.

GREGGIO – Poco mosse le quotazioni petrolifere, in un mercato che resta sotto pressione sui timori di un rallentamento dell’economia mondiale. I future sul Nymex cedono 4 centesimi a 60,64 dollari il barile. I future Brent salgono di 14 tick a 70,79 dollari il barile, ma restano impostati a registrare un calo settimanale di poco inferiore al 3%. Entrambi riferimenti risultato inferiori del 20% rispetto ai livelli di inizio ottobre

MANOVRA BILANCIO ITALIA – Resta in primo piano il difficile dialogo tra Roma e Bruxelles sulla legge di Bilancio, che Bruxelles ha chiesto di modificare entro il 13 novembre perché difforme dalle vincoli di consolidamento dei conti pubblici.
Le stime della Commissione Ue proiettano per il 2019 un deficit/Pil in aumento a 2,9%, superiore al target di 2,4% indicato dal governo, a fronte di una crescita del Pil più debole (1,2% contro 1,5% indicato dall’esecutivo), mentre il debito è visto stabile intorno a 131% fino al 2020.
Valutazioni che Tria, oggi impegnato in un incontro con il presidente dell’Eurogruppo Centeno, ha bollato come frutto di un’analisi parziale, sottolinenado come l’Italia resti impegnata a rispettare per il deficit/Pil il tetto massimo del 2,4% l’anno prossimo.
Secondo ‘Il Messaggero’ al Tesoro danno per scontato l’avvio di una procedura d’infrazione e il governo punterebbe ad un allungamento dei tempi, magari oltre le elezioni europee di maggio.
In un’intervista a ‘La Stampa’ il presidente della Commissione bilancio della Camera Borghi sfida Bruxelles, sottolineando come l’avvio di una procedura d’infrazione contro l’Italia fornirebbe “un ottimo argomento per chiedere un cambiamento totale alle prossime europee”.

BTP – Rimane sostenuta la pressione sul debito italiano, con lo spread su Bund nel tratto decennale che si mantiene poco sotto quota 300 pb, in un clima di perdurante incertezza legato alle politiche economiche del governo e al difficile dialogo sui conti pubblici con le istituzioni Ue, mentre la congiuntura mondiale mostra segnali di rallentamento.

OFFERTA BOND ITALIA – Si è completato con i dettagli delle aste a medio-lungo termine il quadro delle aste di metà mese. Martedì 13 novembre il Tesoro metterà a disposizione fino a 5,5 miliardi di euro in Btp a 3, 7 e 20 anni, mentre lunedì 12 saranno messi a disposizione 5,5 miliardi di euro in Bot 12 mesi.

BANCHE ITALIA – Secondo ‘Il Messaggero’, sotto la regia di Bankitalia, Intesa Sanpaolo, Unicredit, Mps, Ubi e Banco Bpm hanno raggiunto un accordo di massima per accantonare 550 milioni di euro a testa, per un un totale di 2,75 miliardi per finanziare il Fondo interbancario di tutela dei depositi.

INDICATORI BANCARI – Via Nazionale pubblicherà i dati mensili sui principali indicatori bancari relativi a settembre, che potrebbero offrire spunti e indicazioni sull’attività degli istituti di credito in una fase dove non mancano i motivi d’incertezza.
In agosto il tasso di crescita complessivo dei prestiti al settore privato è stato di 2,6% su anno dopo il 2,5% di luglio, mentre sul fronte della raccolta bancaria, in agosto la crescita dei depositi si era attestata a 4,3% annuo da +4,7% di luglio.

GOVERNO – Lega e Movimento Cinque Stelle hanno raggiunto un accordo sulla sospensione della prescrizione dopo il primo grado di giudizio entro gennaio 2020, chiudendo un confronto che aveva alimentato forti tensioni nell’esecutivo.

VERTICE ISTAT – Il consiglio dei ministri ha avviato la procedura di nomina del nuovo presidente dell’Istat indicando il nome di Carlo Blangiardo, ordinario di demografia all’Università Bicocca di Milano, ritenuto vicino alla Lega.

DATI PREZZI CINA – La crescita dei prezzi alla produzione in Cina ha rallentato per il quarto mese di fila ad ottobre, in un contesto di raffreddamento della domanda interna e dell’attività manifatturiera, che probabilmente indurrà Pechino a mettere in campo misure espansive per fronteggiare le conseguenze della disputa commerciale con gli Stati Uniti. L’indice dei prezzi dalla produzione ha mostrato una crescita annua di 3,3% da 3,6% di settembre, in linea alle attese degli analisti. L’indice dei prezzi al consumo ha mantenuto un ritmo di crescita annuo di 2,5%, anche in questo caso in linea alle attese.

TREASURIES – Chiusura negativa per l’obbligazionario Usa, appesantito dal verdetto di politica monetaria di Federal Reserve, che ha confermato l’orientamento a procedere con un graduale aumento del costo del denaro. Particolarmente colpita la parte breve della curva, dove i rendimenti a due anni si sono spinti ai massimi da oltre un decennio, fino a 2,977%. Il rendimento del decennale benchmark ha archiviato la seduta a 3,239% da 3,213% della precedente chiusura.

DATI MACROECONOMICI
ITALIA
Istat, imprese multinazionali anno 2016 (10,00).

FRANCIA
Produzione industriale settembre (8,45) – attesa -0,3% m/m.

GRAN BRETAGNA
Stima Pil trim3 (10,30) – attesa 0,6% t/t; 1,5% a/a.
Produzione industriale settembre (10,30) – attesa -0,1% m/m; 0,4% a/a.
Produzione manifatturiera settembre (10,30) – attesa 0,1% m/m; 0,4% a/a.
Bilancia commerciale settembre (10,30) – attesa Ue -11,25 miliardi; non Ue -3,9 miliardi.

GRECIA
Prezzi consumo ottobre (11,00).
Produzione industriale settembre (11,00).

PORTOGALLO
Bilancia commerciale settembre (12,00).

USA
Prezzi produzione ottobre (14,30) – attesa 0,2% m/m; 2,5% a/a.
Stima fiducia consumatori Università Michigan novembre (16,00) – attesa 98,0.
Revisione scorte ingrosso settembre (16,00) – attesa 0,3% m/m.
Vendite ingrosso settembre (16,00) – attesa 0,5% m/m.

BANCHE CENTRALI
ITALIA
Banca d’Italia pubblica dati su depositi, impieghi, sofferenze, titoli di Stato italiani detenuti da banche operanti in Italia a fine settembre.

EUROPA
Zona euro, intervento consigliere Bce Coeuré a Francoforte (11,00).

USA
Washington, interventi vicepresidente vigilanza Fed Quarles (10,00 e 15,05).
New York, interventi presidente Fed New York Williams (14,30) e presidente Fed Filadelfia Harker (14,45).

APPUNTAMENTI
ITALIA
Roma, a commissioni Bilancio riunite audizioni su manovra di Tria, Bankitalia, Cenl, sindacati e Ania (dalle 10,00); proseguono lunedì 12 novembre.
Roma, conferenza stampa Di Maio alla Stampa Estera (10,00).
Roma, Tria incontra il Presidente dell’Eurogruppo Mario Centeno (12,15).
Roma, Di Maio ospite ad “Accordi e disaccordi” su Canale 9 (23,00).

EUROPA
Bruxelles, riunione ministro Commercio Unione europea.
Bruxelles, May a cimitero militare belga.
Berlino, Merkel, Steinmeier e Schaueble a evento celebrativo (11,00).
Helsinki, ministro Finanze finlandese Orpo riceve vice presidente Commissione europea Dombrovskis.
Francia, Dbrs si pronuncia su rating sovrano.
Danimarca, Moody’s si pronuncia su rating sovrano

Buongiorno
la settimana si apre con il test dello spread BTP BUND dopo aver verificato area 330. Ci attendiamo un ritracciamento benchè Moody’s abbia abassato di un noch il giudizio sull’Italia aggiornandolo a Baa3 mentre prima era Baa2. L’outlook rimane stabile. Il 26 si pronuncerà Standard & Poor ci attendiamo un giudizio sospensivo: rating stabile con Outlook negativo in revisione nei prossimi 6 mesi.
Ci attendiamo per la giornata odierna una reazione positiva delle borse, dello spread con una discesa quasi verticale a 280, ed un ulteriore rimbalzo dell’eur usd verso 1,16.
La settimana vedrà anche la riunione della BCE (giovedì) si prevede che i tassi resteranno invariati al minimo storico. La decisione sarà seguita 45 minuti dopo dalla conferenza stampa del Presidente Mario Draghi. Le sue dichiarazioni sono attese per capire se e quando la banca abbia intenzione di aumentare i tassi di interesse. La BCE si era impegnata a terminare il programma di acquisti entro la fine dell’anno, mentre i tassi di interesse dovrebbero rimanere tali fino al 2019.
Mercoledì avremo la pubblicazione del GDP USA terzo trimestre: Il Dipartimento per il Commercio USA pubblicherà i dati rivisti sulla crescita economica  alle 8:30 ET (12:30 GMT). L’economia dovrebbe essere cresciuta al tasso annuo del 3,3% nel trimestre che va da luglio a settembre, con una revisione al ribasso dalla stima preliminare del 4,2%, la lettura migliore degli ultimi 4 anni. Il modello dinamico di stima della FED di Atlanta proietta il dato poco sotto il 4% al 3,9%; il consensus del panel degli economisti si attestaal 3,3%.

In programma questa settimana anche i dati statunitensi sugli ordinativi di beni durevoli relativi al mese di settembre. I dati rilasciati di recente mostrano che l’economia statunitense resta solida, nonostante l’aumento dei tassi di interesse e le tensioni per la guerra commerciale in corso.
Sempre mercoledì la Banca del Canada annuncerà la decisione sul tasso di interesse  alle 10:00AM ET. Si prevede che la banca deciderà di aumentare i tassi di 25 punti base all’1,75%. Si tratterebbe del quinto aumento dal luglio 2017.  La BoC dovrebbe inasprire al politica altre due volte nel 2019, in quanto l’economia canadese continuerà a crescere nei prossimi trimestri grazie allo stimolo discale statunitense che aumenta la domanda per l’export. L’accordo sul North American Free Trade Agreement (NAFTA) ha ridotto il rischio per l’export canadese, facendo aumentare le possibilità di ulteriori interventi sui tassi da parte della banca centrale. Il dollaro canadese nel frattempo rimane inserito in un contesto di rafforzamento sull’euro. Il cambio eur cad dovrebbe subire ulteriori vendite al test di area 1,51/1.52. Per approfondimenti operativi scrivete a   w.biasia@wbadvisors.it.
Per commentare tutti gli eventi della settimana Sarò ospite della Redazione Giornalistica di Rai 1 alle ore 17.45 circa da lunedì sino a venerdì  26.
Martedì alle 17.30 su Class CNBC ; giovedì alle 9.30 sarò ospite della dott.ssa Annabella D’Argento a LE FONTI TV per commentare le attese sul meeting della BCE e la lettura del GDP negli USA con i relativi impatti sul dollaro e sui mercati in generale.

MARKET MOVER : LE NOTIZIE PER GESTIRE IL RISCHIO DI CAMBIO

MARKET MOVER : LE NOTIZIE PER GESTIRE IL RISCHIO DI CAMBIO

REAZIONE A VERDETTO MOODY’S – In primo piano la reazione dei mercati finanziari al verdetto di Moody’s, che venerdì sera ha tagliato di un notch a ‘Baa3’ il rating sovrano italiano, ora ad un passo da ‘junk’, anche se la stabilizzazione dell’outlook sembra allontanare il rischio di nuovi declassamenti nel breve periodo. A corredo del suo giudizio, in buona parte già incamerato nei prezzi, Moody’s ha evidenziato l’inserimento di un deficit elevato nel documento programmatico di bilancio — oggetto di una lettera di formale contestazione da parte di Bruxelles cui il governo è chiamato a rispondere entro oggi alle 12 — e l’assenza di un’agenda coerente di riforme che stimolino la crescita nel medio-lungo termine. L’agenzia avverte che se aumentassero materialmente le probabilità di un’uscita dall’euro, il rating sarebbe ulteriormente tagliato. Un avvertimento ribadito oggi in un’intervista a ‘La Stampa’ da Mark Zandi, capoeconomista di Moody’s Analytics.

BTP – La carta italiana è reduce da una settimana estremamente volatile, che venerdì ha visto lo spread contro Bund nel tratto decennale allargarsi fino a quota 342 pb, massimo da aprile 2013, per poi chiudere a 313 pb. In un’intervista al ‘Corriere della Sera’ El-Erian, chief economic advisor di Allianz, sottolinea come oltre ai timori su debito e crescita evidenziati da Moody’s, sui mercati c’è preoccupazione per il confronto pubblico del governo italiano con la Commissione europea sul bilancio. Le vendite, sottolinea El-Erian, non dipendono solo da fattori specifici, ma sono anche parte di un ritiro complessivo dal capitale di rischio sui mercati globali.

GOVERNO, RATING E MANOVRA – Sul fronte della manovra, l’esecutivo ha chiuso alla possibilità di abbassare il target del deficit/Pil, fissato a 2,4% nel 2019, anche a seguito del verdetto di Moody’s. I principali esponenti del governo hanno però rassicurato unanimamente sulla volontà di restare nella valuta unica e di interloquire costruttivamente con la Commissione europea. Di Maio ha anticipato che nella lettera di risposta ai rilievi Ue sulla manovra verrà sottolineato come, al netto delle clausole di salvaguardia sull’Iva e del peggioramento del ciclo, lo scostamento del deficit/Pil è solo di 0,4 punti.
Secondo quanto riferito da una fonte governativa, Tria, Moavero e Conte hanno provato nel Consiglio dei Ministri di sabato a spingere sulla necessità di dare un segnale a Europa e mercati, premendo per una riduzione del disavanzo dell’anno prossimo. La pressione a lanciare il segnale è dovuta al fatto che la Commissione europea già domani — spiega la fonte — potrebbe decidere di chiedere all’Italia di modificare il documento programmatico di bilancio.
Secondo ‘Il Messaggero’ di oggi, l’invio della lettera di risposta dell’Italia alla Ue sarà preceduto da un vertice di governo. Tria, scrive il quotidiano, aspetterà fino alla scadenza delle 12 per inviare la risposta alla Commissione e, qualora vi fossero forti turbolenze sui mercati, non esclude di tornare a sottoporre a Salvini e Di Maio l’abbassamento del deficit/Pil a 2,1%.
In una direzione di maggiore prudenza sembra andare anche Giorgetti, sottosegretario leghista alla presidenza del Consiglio, il quale in un’intervista sempre a ‘Il Messaggero’ domenica ha detto che “il 2,4% è un tetto massimo per tutte le misure…contenute, ma non è detto che questo accada perché potrebbero esserci delle difficoltà anche operative”. Giorgetti ha poi avvertito che le tensioni sui mercati finanziari potrebbero generare lacune patrimoniali negli istituti di credito più fragili.

RIENTRANO TENSIONI SU FISCO – Il consiglio dei ministri di sabato sembra aver appianato le tensioni sul decreto fiscale tra M5S e Lega, con un compromesso che stringe le maglie del condono, escludendo i capitali esteri e il salvacondotto penale su alcune fattispecie di reati (tra cui riciclaggio e autoriciclaggio).

USA CONTRO RUSSIA SU NUCLEARE – Il presidente Usa Donald Trump ha minacciato il ritiro degli Stati Uniti dal trattato sul nucleare siglato tra Reagan e Gorbaciov, accusando la Russia di non rispettarne i termini. Mosca dal canto suo ha sottolineato che il ritiro di Washington sarebbe pericoloso e innescherebbe misure ritorsive.

BREXIT – La Gran Bretagna potrebbe accettare di estendere di qualche mese il periodo di transizione post-Brexit (il cui termine è attualmente fissato a fine 2020) se l’Unione europea abbandonasse le proposte che prevedono il mantenimento dell’Irlanda del Nord all’interno della sua unione doganale, ha detto il ministro britannico per la Brexit Raab.

FISCO CINA – Pechino potrebbe varare tagli delle tasse per oltre l’1% del Pil allo scopo di stimolare l’economia, secondo quanto anticipato da un consigliere della banca centrale in alcune dichiarazioni pubblicate oggi. Il governo ha inoltre pubblicato un bozza preliminare di un provvedimento che introduce nuove deduzioni fiscali per le persone fisiche.

DATI CINA – A settembre i prezzi delle nuove abitazioni sono cresciuti di 0,9% su mese da 1,4% segnato in agosto, mentre su base annua l’espansione ha accelerato a 7,9% da 7% in agosto. Il mercato immobiliare sembra mostrare una relativa resilienza al rallentamento dell’economia e alle misure del governo volte a contenerne i ritmi di crescita.

FOREX – Euro poco variato sulle principali controparti, con gli investitori in attesa di conoscere gli sviluppi della dialettica tra Roma e Bruxelles sulla manovra e l’evoluzione del negoziato sulla Brexit. Intorno alle 7,30, la valuta unica è ferma a 1,1512 dollari ed è in leggera risalita su yen a 129,68 da 129,56 della precedente chiusura. La valuta giapponese scivola anche sul biglietto verde, che sale a 112,63 da 112,54 yen.

GREGGIO – Quotazioni petrolifere in rialzo in vista dell’entrata in vigore delle sanzioni Usa contro l’Iran, prevista il 4 novembre. I derivati del Brent salgono 24 centesimi a 80,02 dollari il barile; i future Nymex salgono di 28 centesimi a 69,4 dollari il barile.

TREASURIES – Chiusura negativa per i governativi Usa venerdì sulla speranza di un calo della tensione tra Italia e Commissione europea. A ridurre l’appetito per gli asset rifugio ha contribuito anche la solidità dei risultati trimestrali di molte società Usa. Il rendimento del decennale Usa ha archiviato la seduta di venerdì in area 3,20%, in salita di circa 3 punti base.

DATI MACROECONOMICI
GRECIA
Partite correnti agosto (10,30).

USA
Indice attività nazionale settembre (14,30).

ASTE DI TITOLI DI STATO
USA
Washington, Tesoro offre 45 miliardi dollari titoli Stato 13 settimane 24/1/2019 e 39 miliardi titoli Stato 26 settimane 25/4/2019.

APPUNTAMENTI
ITALIA
Roma, Conte incontra la stampa estera (12,00).
Roma, Bri/Banca Mondiale/Banca del Canada/Banca d’Italia iniziano “The Seventh Public Investors Conference” (dalle 9,30); termina il 23 ottobre.
Roma, convegno Consob “Conoscenze finanziarie, attitudini e investimenti delle famiglie italiane” con Bitonci (11,00).

MARKET MOVER 18 SETTEMBRE 2018

DAZI USA – Trump ha annunciato nuovi dazi del 10% su 200 miliardi di dollari di merci importate della Cina a partire dal 24 settembre. L’imposizione salirà al 25% entro la fine del 2018. I nuovi dazi si aggiungono a quelli introdotti su 50 miliardi di dollari di merci cinesi, cui Pechino ha risposto con misure ritorsive. Trump ha già minacciato un’ulteriore escalation, con nuove imposizioni tariffarie su beni per circa 267 miliardi di dollari, se dalla Cina arriveranno contromisure anche a questo giro.
 
VERTICE MANOVRA – La riunione di ieri sera non ha risolto i nodi della manovra: una fonte governativa riferisce che Tria resta arroccato sulla posizione di contenere il deficit, mentre da Lega e M5S si preme per arrivare a 2-2,5%. In particolare, secondo quanto riporta stamane ‘La Stampa’, sarebbe il M5S a fare pressing su Tria, che Di Maio, in una riunione con i ministri e i sottosegretari economici grillini, successiva al vertice, sarebbe tornato a mettere in discussione. “Se continua così, allora Tria può andare a casa”, è il virgolettato che viene attribuito al vicepremier. Ma anche dal Carroccio le pressioni non mancano. Una fonte leghista sostiene sul ‘Corriere della Sera’ che sfiorando senza oltrepassare il 3% sarebbero disponibili, escludendo le risorse per disinnescare l’aumento dell’Iva, 24 miliardi da suddividere tra le misure bandiera del M5s e quelle della Lega. “Ora si tratta di mettere con le spalle al muro il ministro Tria”.
 
BTP – Da verificare la reazione del mercato all’esito del vertice sulla manovra. Ieri la speranza che all’interno del governo prevalga la linea Tria ha dato sostegno al rally dei Btp, con lo spread che si è riavvicinato a quota 240, stringendo di oltre 10 punti rispetto alla precedente chiusura. Nonostante la fragilità di fondo del mercato e le cautele d’obbligo sulla manovra, gli operatori sottolineano come in questa fase risulti costoso rimanere fuori dai Btp, ma d’altra parte il mercato resta esposto a rapidi cambi di direzione.
 
BCE – È atteso in giornata un intervento del presidente Bce Draghi, che torna a parlare dopo la riunione di politica monetaria della settimana scorsa. Secondo quanto rivelato da due fonti venerdì, alcuni membri del Consiglio avevano chiesto a Draghi di adottare toni più cauti nel descrivere il quadro e le prospettive dell’economia nella conferenza stampa post meeting, ma alla fine ha prevalso una linea diversa. Ieri Coeuré ha affermato che Francoforte dovrebbe chiarire meglio i contorni del futuro percorso di rialzo dei tassi quando si avvicinerà il momento in cui sarà necessario un ulteriore restringimento delle condizioni monetarie.
 
PRIMARIO – Torna in primo piano il primario: la Germania mette in asta fino a 4 miliardi di titoli biennali e già domani sarà nuovamente sul mercato con l’offerta di 3 miliardi di Bund decennali; giovedì sarà la volta dell’offerta francese e spagnola: in tutto fino a 14 miliardi di carta a medio lungo (indicizzati compresi). Oggi sono in agenda anche aste spagnole a breve, tra 1,5 e 2,5 miliardi di titoli a 3 e 9 mesi.
 
GREGGIO – L’escalation della disputa tra Usa e Cina sul commercio spinge al ribasso le quotazioni petrolifere, allungando un’ombra sulla domanda dei due principali Paesi consumatori di greggio. Alle 7,30 italiane il future Brent scambia a 77,60 dollari il barile (in calo di 45 centesimi), il Nymex a 68,58 dollari (in calo di 33 centesimi).
 
FOREX – Dollaro poco variato nei confronti delle principali controparti valutarie, in attesa della risposta di Pechino ai nuovi dazi imposti dagli Usa. In lieve calo lo yuan, che cede lo 0,14% a 6,8633 sul dollaro. Il biglietto verde è stabile sull’euro, che viaggia a 1,1686 dollari da 1,1683 dollari della chiusura; il dollaro sale su yen a 111,96 da 111,83; euro/yen a 130,86 da 130,67.
 
TREASURIES – Chiusura in lieve calo ma sotto i minimi per i governativi Usa, con gli investitori che hanno colto l’opportunità per rientrare allettati dai rendimenti relativamente elevati, a ridosso dell’annuncio di nuovi dazi sui prodotti cinesi da parte di Trump, puntualmente arrivato al termine delle contrattazioni. Il rendimento del benchmark decennale Usa a fine seduta si attestava a 2,992% da 2,994% della chiusura di venerdì, dopo una fiammata intraday a 3,022%, picco da fine maggio.
 
DATI MACROECONOMICI
ITALIA
Istat, fatturato e ordinativi industria giugno e luglio (10,00).
Istat-Inps-Inail-Anpal, ‘Nota trimestrale congiunta sulle tendenze dell’occupazione’ relativa al 2° trimestre 2017 (11,00).
 
USA
Flussi investimenti netti lungo termine luglio (22,00).
Scorte settimanali prodotti petroliferi Api (22,30).
 
ASTE DI TITOLI DI STATO
EUROPA
Germania, Tesoro offre 4 miliardi Schatz 2 anni, scadenza 11/9/2020 cedola zero.
Spagna, Tesoro offre 1,5-2,5 miliardi titoli Stato 3 e 9 mesi.
 
BANCHE CENTRALI
EUROPA
Zona euro, interventi banchiere centrale francese Villeroy de Galhau (9,00), presidente Bce Draghi (9,15) e Nouy (9,30) a evento organizzato da Autorité de Contrôle Prudentiel et de Résolution (Acpr) a Parigi.
 
ASIA
Giappone, banca centrale inizia riunione di politica monetaria; termina il 19 settembre.
 
APPUNTAMENTI
ITALIA
Roma, Palazzo Chigi, Conte riceve cancelliere federale austriaco Sebastian Kurz (11,00).
Roma, convegno “Internazionalizzazione della Repubblica di San Marino: quali opportunità per l’Italia” con Sabatini (18,00).
Milano, “Bloomberg European Capital Markets Forum” con Tria, Ceo Deutsche Bank Sewing, Passera, Saccomanni (8,30).
Napoli, terza edizione di “Casa Corriere” con Boccia (18,00).
 
EUROPA
Vienna, continua conferenza generale Iaea; termina il 21 settembre.
Berlino, Innotrans 2018, partecipa ministro Infrastrutture e Trasporti Toninelli; partecipa anche a conferenza stampa di presentazione dei nuovi treni regionali Pop e Rock (13,00).
 
USA
Washington, bilaterale Trump-presidente polacco Duda.

MARKET MOVER 24 LUGLIO 2018

INDICI PMI PURCHASE MANAGER INDEX DATO EFFETTIVO ATTESE PRECEDENTE
02:30   JPY Indice dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero (Lug) 51,6 53,2 53
08:45   EUR Rilevamento dello stato congiunturale francese (Lug) 108 110 110
09:00   EUR Indice PMI manifatturiero francesi (Lug) 53,1 52,6 52,5
09:00   EUR Indice PMI Markit composito francese (Lug) 54,5 54,8 55
09:00   EUR Indice dei direttori agli acquisti del settore terziario francese (Lug) 55,3 55,7 55,9
09:30   EUR Indice PMI composito tedesco (Lug) 54,7 54,8
09:30   EUR Indice dei direttori degli acquisti del settore manif. tedesco (Lug) 55,5 55,9
09:30   EUR Indice dei direttori degli acquisti del settore servizi tedeschi (Lug) 54,6 54,5
10:00   EUR Saldo della bilancia commerciale italiana non-UE (Giu) 2,37B
10:00   EUR Indice PMI manifatturiero Eurozona (Lug) 54,7 54,9
10:00   EUR Indice composito dei servizi Eurozona (Lug) 54,8 54,9
10:00   EUR Indice dei direttori agli acquisti del settore servizi Eurozona (Lug) 55 55,2

Continua a leggere

MARKET MOVER 20 LUGLIO 2018
Nella giornata di ieri l’eur usd ha avviato un primo break out di  1.1650/30 fissando un minimo a 1,1575. Come avevamo anticipato nei giorni scorsi il livello ha un valore tecnico significativo. La violazione del range con chiusure settimanali, ovvero quello di oggi,  inferiori può considerarsi propedeutico alla successiva violazione di 1.15. Come riporta l’agenzia Reuters, con puntuale coincidenza D. Trump interviene per esprimere il suo pensiero sull’azione della Fed ed i conseguenti riflessi sul comportamento del dollaro. Non piace al Presidente una moneta forte. Penalizza le aziende USA.  Ma il vero monito di Trump ha come obbiettivo lo yuan renminbi. La divisa cinese rimane ancora oggetto di una svalutazione pilotata dalla PBoC. Come ho dichiarato in un’intervista a TV Le Fonti ieri mattina, la Cina ha deciso di rispondere alle misure tariffarie imposte dall’Amministrazione USA con una svalutazione della propria moneta verso il dollaro. Risultato: mentre i dazi colpiscono linearmente i settori oggetto di revisione, la svalutazione compensa orizzontalmente le misure imposte. In altri termini la svalutazione rende più competitiva l’intera offerta cinese.
Ieri il cambio usd cny ha superato quota 6.75 fissando un nuovo massimo di periodo.  Nel caso in cui quota 6.80 non dovesse contenere ulteriori spinte la proiezione tecnica spingerebbe il rapporto verso area 7/7.10.  Nel contempo la Cina sta operando forti immissioni di liquidità, in modi diversi, nel sistema finanziario. Contro l’euro lo yuan ha violato in virtù della svalutazione diretta sul dollaro quota 7.85 fissando un massimo a 7.90. In un’ipotesa meno allarmistica, potremmo sostenere che al rialzo dell’euro faccia seguito una fase di consolidamento laterale prima di mettere in evidenza ulteriori manovre. Stiamo monitorando il mercato  ma nel caso in cui il cambio non dovesse rientrare sotto 7.80 eur cny dovremmo considerare il rischio di un ulteriore rialzo dei corsi verso quota 8.20/8.30.
Ritornando al rapporto eur usd continueremo ad osservare il range 1.1750/ 1.1635 – 1.1635/1.1575 considerando la centralità di quota 1.1635 in termini di equilibrio negli scambi di questi giorni. La permanenza delle negoziazioni all’interno della fascia 1.1750-1.1.575 continua comunque  a mantenere il bias operativo sempre orientato alla violazione dei minimi.
I mercati azionari hanno risentito delle turbolenze trasmesse dal mercato forex. La carenza di dollari drenati dall’azione della Fed sta producendo tensioni sull’ abnorme stock di debito accumulato da emittenti corporate presenti soprattutto nelle aree emergenti.  I ribassi frazionali di questi giorni non attirano l’attenzione dei media. Tuttavia come già scritto nelle aree emergenti, a partire dal mercato cinese, ci sono segnali di tensione sui relativi indici azionari  (vedi WB PERSPECTIVES di luglio).
In Italia la discesa dei rendimenti sul BTP nonostante si riporti voci di tensioni all’interno del Governo verso il ministro Tria, non dovrebbe arrestarsi. Lo spread ieri ha chiuso a 216; la tenuta delle eventuali spinte sotto 220 mantiene aperta la finestra riflessiva orientata a spingere i valori sul differenziale IT DE 10 Y verso i target indicati nell’Outlook mensile.
Buona giornata.
WB

WB RISK MANAGEMENT: USD CNY SVALUTAZIONE YUAN RENMINBI VS US DOLLAR

WB RISK MANAGEMENT: USD CNY SVALUTAZIONE YUAN RENMINBI VS US DOLLAR


WB RISK MANAGEMENT: EUR CNY EFFETTI SVALUTAZIONE YUAN RENMINBI VS EURO
WB RISK MANAGEMENT: EUR CNY EFFETTI SVALUTAZIONE YUAN RENMINBI VS EURO
WB RISK MANAGEMENT: EUR USD SHORT TERM TREND

WB RISK MANAGEMENT: EUR USD SHORT TERM TREND


WB FX RISKOO
 
 
MARKET MOVER le notizie che aiutano la gestione del rischio di cambio

MARKET MOVER
le notizie che aiutano la gestione del rischio di cambio


FOREX – Dollaro sulla difensiva dopo i commenti di Trump sull’eccessiva forza della valuta. L’euro/dollaro tratta a 1,1666/69 da 1,1641 dell’ultima chiusura, dopo una discesa del cambio ieri al minimo da quasi tre settimane a 1,5750. Dollaro/yen a 112,30/33 da 112,45; ieri il cambio era salito al massimo da sei mesi a 113,18. Euro/yen a 131,02/06 da 130,92. Prosegue intanto la discesa dello yuan, stamane ai minimi da oltre un anno sul dollaro; la banca centrale cinese ha fissato il punto centrale di oscillazione del cambio ‘onshore’ in ribasso per la settimana seduta consecutiva, portando alla flessione di oltre mezzo punto percentuale del cambio ‘offshore’.
TRUMP CRITICA FED – Il presidente Usa ha criticato la linea di politica monetaria della Fed, dicendosi preoccupato degli effetti dei rialzi dei tassi e del dollaro forte sull’economia e sulla competitività delle aziende americane. “Stiamo andando bene e ogni volta che vai bene vogliono alzare di nuovo i tassi… non sono contento di questo. Ma allo stesso tempo li lascio fare quello che ritengono sia meglio” ha detto durante un’intervista a Cnbc. “Non mi piace che mettiamo tutto questo sforzo nell’economia e poi vediamo i tassi salire”. Trump ha poi sottolineato la forte discesa della valuta cinese e che l’apprezzamento del dollaro “ci mette in una posizione di svantaggio”.
TENSIONI GOVERNO SU TRIA – Sale la tensione nel governo sul ministro dell’Economia Tria. I quotidiani parlano stamane di rapporti sempre più difficili con Di Maio, ma anche quelli con la Lega sono freddi e si paventa addirittura il rischio di dimissioni. Le frizioni sono nell’immediato sulle nomine, Cdp in particolare, ma anche in prospettiva sulla manovra d’autunno. Tria, che in più occasioni ha ribadito la necessità di proseguire il percorso di salvaguardia dei conti pubblici, viene visto dal mercato come il garante del fatto che il governo M5s-Lega non si lanci in una serie di misure economiche a forte impatto negativo su deficit e debito.
BTP – Da valutare eventuali reazioni dei Btp allo scenario di un Tria isolato all’interno del governo. Nelle ultime sedute il mercato italiano era sembrato avviato verso una fase estiva, dall’attività ridotta: pur rimanendo relativamente alti, gli spread hanno parzialmente diminuito la volatilità e i movimenti sono apparsi più legati a flussi tecnici che a significativi temi fondamentali. Dopo una buona partenza, in linea con la performance positiva degli ultimi giorni, l’ultima seduta ha visto una progressiva frenata dei Btp, capaci di mantenere comunque un lieve rialzo in chiusura, sebbene con uno spread in risalita dai minimi della mattinata. Il mercato riparte stamane da un rendimento decennale di 2,51% e da un differenziale su Germania di 124 pb.
FMI SU PROGRAMMA GOVERNO – Secondo il Fmi il programma di spesa del nuovo governo italiano, se implementato pienamente, porterebbe a una “significativa espansione” del bilancio pubblico, “in contrasto con la sostenibilità del debito”. L’allarme è contenuto nel documento diffuso a seguito delle consultazioni annuali avvenute con le autorità europee. “Molti dei paesi ad alto debito, comprese l’Italia, il Portogallo e la Spagna, correggeranno i conti di poco o per nulla quest’anno” scrive il Fondo.
SCADENZE – Gli operatori osservano che nelle prossime settimane il mercato periferico, e in particolare quello italiano, dovrebbe trovare sostegno nel profilo dell’offerta e delle scadenze sul primario. Oltre all’attesa per la cancellazione delle aste Btp di metà agosto (sempre avvenuta negli ultimi anni), il 30 luglio la Spagna rimborsa Bono decennali per 20 miliardi, seguita dall’Italia il primo agosto con Btp decennali per 23,6. Per quel che riguarda le cedole, Madrid è chiamata a pagarne 9,4 miliardi il 30 luglio, Roma 5,4 miliardi il primo agosto.
BILANCIA PAGAMENTI ITALIA – Bankitalia pubblica i dati di maggio sulla bilancia pagamenti italiana, che forniranno indicazioni dettagliate sui movimenti di capitale nel mese in cui sono scoppiate, raggiungendo il loro picco, le tensioni politiche nel paese legata alla nascita del governo M5s-Lega. Al di là delle forti vendite registrate sui mercati, le tensioni sono state già sottolineate dal balzo del debito Target2 dell’Italia, che in maggio ha toccato un nuovo record, continuando poi a salire anche il mese successivo.
BORGHI SU SUCCESSIONE BCE – Il responsabile economico della Lega Borghi si schiera contro un’eventuale candidatura del presidente della Bundesbank Weidmann alla successione di Draghi. Quella del tedesco, spiega Borghi a Reuters, “non sarebbe una buona scelta per l’Italia per il suo atteggiamento rigorista”. Secondo l’esponente leghista “sono le politiche restrittive sulla moneta e l’economia che potrebbero portare l’Europa allo sfacelo”. Borghi aggiunge che per tutte le posizioni nelle istituzioni europee verranno sostenute “persone adatte e capaci e che abbiano a cuore l’interesse italiano”.
INFLAZIONE GIAPPONE – Sale leggermente l’inflazione giapponese in giugno, sebbene il rafforzamento sia stato dovuto in gran parte alla componente greggio: un dato che conferma tutte le difficoltà di un ritorno verso il target del 2%. L’indice ‘core’ dei prezzi al consumo nazionali è salito dello 0,8% tendenziale, in linea con le attese, dopo il +0,7% di maggio. L’indice ‘core core’, quello seguito più da vicino dalla Banca del Giappone, è cresciuto dello 0,2% in giugno, segnando il terzo mese consecutivo di rallentamento. Secondo fonti, col meeting di fine luglio, cui si accompagnerà la revisione trimestrale delle stime di lungo termine, la banca centrale potrebbe riconoscere che l’obiettivo del 2% potrebbe non essere alla portata ancora per tre anni.
GREGGIO – Prezzi petroliferi in leggero rialzo questa mattina, ma avviati ugualmente a chiudere la terza settimana consecutiva in deprezzamento. Tra gli operatori prevalgono le preoccupazioni per un eccesso di offerta sul mercato e per un calo della domanda a seguito di un possibile rallentamento economico legato al conflitto commerciale tra Usa e Cina, i due maggiori paesi consumatori di greggio al mondo. Alle 7,40 italiane il future Brent scambia a 72,78 dollari il barile (+0,20), il Nymex a 69,72 dollari (+0,26).
TREASURIES – Governativi Usa poco variati nelle contrattazioni della mattinata, ma la curva si conferma in appiattimento grazie ai buoni dati economici usciti, che sostengono le aspettative di nuovi rialzi dei tassi Fed. Il benchmark decennale Usa cede 1/32; il rendimento è a 2,849%, dopo essere salito nella seduta di ieri al picco da tre settimane di 2,897%, prima di ritracciare in chiusura.
 
DATI MACROECONOMICI
GERMANIA
Prezzi alla produzione giugno (8,00) – attesa 0,3% m/m; 2,9% a/a.
 
ZONA EURO
Partite correnti maggio (10,00).
 
BANCHE CENTRALI
ITALIA
Banca d’Italia pubblica Bilancia pagamenti Italia maggio e posizione patrimoniale su estero trim1.
 
EUROPA
Zona euro, Coeuré (Bce) partecipa a vertice vice ministri Finanze e vice governatori banche centrali G20 a Buenos Aires.
 
USA
Glasgow, intervento presidente Fed St. Louis Bullard (14,20).
 
APPUNTAMENTI
EUROPA
Austria, Fitch si pronuncia su rating sovrano.
Estonia, Moody’s si pronuncia su rating sovrano.
Finlandia, Dbrs si pronuncia su rating sovrano.
Francia, Fitch si pronuncia su rating sovrano.
Grecia, S&P si pronuncia su rating sovrano.
Repubblica Ceca, S&P si pronuncia su rating sovrano.
Russia, S&P si pronuncia su rating sovrano.
 
AMERICA LATINA
Buenos Aires, termina riunione vice ministri Finanze e vice governatori banche centrali G20.

MARKET MOVER 18 LUGLIO 2017

 

MARKET MOVER le notizie che aiutano la gestione del rischio di cambio

MARKET MOVER
le notizie che aiutano la gestione del rischio di cambio


FED – A catalizzare l’attenzione degli addetti ai lavori l’audizione semestrale del governatore della Banca centrale Usa Powell davanti alla commissione Servizi finanziari della Camera. Nel testo del discorso preparato per l’analogo intervento di ieri al Senato, Powell ha detto di ritenere che l’economia Usa sia di fronte a una fase, che “durerà svariati anni”, durante la quale il mercato del lavoro continuerà a crescere e l’inflazione resterà vicino al target del 2%.
FOREX – Dollaro in rialzo nei confronti delle principali controparti mentre balza al massimo di sei mesi sullo yen dopo i toni ottimisti di Powell sull’economia Usa e sul percorso di rialzo dei tassi. Attorno alle 7,30, il cambio euro/dollaro vale 1,1636, in calo dello 0,2%, dopo aver chiuso a 1,1659. Alla stessa ora dollaro/yen a 113,01, in rialzo di 0,14% dopo una chiusura a 112,85 e il cross euro/yen scambia in calo di 0,08% a 131,51 (chiusura a 131,61).
Continua a leggere

MARKET MOVER 12 LUGLIO 2018
H. 9.30 intervista a LE FONTI TV di Annabella D’Argento a Wlademir Biasia sull’andamento dei mercati.
 
FOREX – Dollaro ben impostato, grazie ai solidi dati economici giunti dagli Usa, non solo i prezzi alla produzione ma anche le vendite al dettaglio, che sostengono le aspettative di una prosecuzione del ciclo restrittivo della Fed. Alle 7,30 italiane, in attesa dei numeri di oggi pomeriggio sui prezzi al consumo, l’euro/dollaro tratta a 1,1683/85 da 1,1672 dell’ultima chiusura, tenendosi a distanza dal massimo da tre settimane e mezzo registrato lunedì a 1,1790. Il dollaro/yen scambia a 112,17/21 da 112,00, sopra quota 112 per la prima volta dallo scorso 10 gennaio. Euro/yen a 131,12/16 da 130,72.
ECONOMIA USA – L’economia Usa è forte, sostiene il presidente della Fed di New York Williams, come dimostrato dalle difficoltà che incontrano le aziende a coprire i posti di lavoro vacanti. Tuttavia, rassicura, la salita della Borsa e dei prezzi immobiliari non segnalano al momento quell’accumulazione dei rischi nel sistema finanziario che appariva invece “abbastanza ovvia” è metà degli anni 2000, anche se, aggiunge, Fed continua a monitorare la situazione con grande attenzione. Nel pomeriggio intanto è in agenda l’inflazione di giugno, che arriva dopo il forte dato di ieri sui prezzi alla produzione, che hanno segnato il maggior incremento tendenziale da sei anni e mezzo, confermando le aspettative di altri due rialzi dei tassi entro fine anno.
ATTESE BCE – Nuovi spunti agli investitori potrebbero arrivare dai resoconti del consiglio Bce del 13-14 giugno, conclusosi con la decisione di chiudere il Qe alla fine di quest’anno e l’indicazione che non ci sarà un rialzo dei tassi d’interesse prima dell’estate dell’anno prossimo. Tuttavia, secondo quanto riferito da diverse fonti a Reuters, ci sono divergenze all’interno del consiglio sull’interpretazione dell’ormai nota espressione “through the summer” del 2019, utilizzata dalla Bce nell’ultimo meeting. Secondo alcuni esclude un mossa sui tassi prima della fine dell’estate, mentre secondo altri lascia aperta la possibilità di un rialzo già a luglio, in caso di necessità.
BCE SU NPL – Francoforte svela intanto una soluzione di compromesso sulla questione degli Npl. In un comunicato diffuso nel tardo pomeriggio di ieri la Bce annuncia che verranno fissate attese specifiche di supervisione banca per banca per gli accantonamenti a fronte di crediti deteriorati. L’obiettivo, si legge nella nota, è raggiungere la stessa copertura per gli stock di Npl e i nuovi flussi nel medio termine.
EUROGRUPPO E NUOVE STIME UE – Il presidente Centeno aggiornerà i ministri delle Finanze della zona euro sulle conclusioni del vertice Ue di fine giugno e delineerà i temi riguardanti una maggiore integrazione della zona euro, cui l’Eurogruppo sarà chiamato a lavorare fino al prossimo consiglio Ue di fine dicembre. Sul tavolo del vertice anche la situazione economica della zona euro, con l’aggiornamento delle stime della Commissione su Pil e inflazione. Per quanto riguarda l’Italia, le ultime stime (diffuse a maggio) indicavano una crescita dell’1,5% quest’anno (su cui lo stesso Tria ha riconosciuto l’esistenza di rischi al ribasso) e dell’1,2% nel 2019. I ministri avranno un primo scambio di vedute sulle prospettive dei conti pubblici dell’anno prossimo, in vista della preparazione delle leggi di bilancio.
GREGGIO – Prezzi petroliferi in risalita questa mattina, Il Brent in particolare risale di oltre un dollaro dopo aver subito ieri la flessione giornaliera più ampia in due anni a seguito della notizia che la Libia riprenderà l’export di greggio, giunta in un contesto di mercato già debole per l’inasprirsi della disputa commerciale tra Usa e Cina. Il futures Brent scambia a 74,56 dollari il barile (+1,16), il Nymex a 70,84 dollari (+0,46).
TREASURIES – I governativi Usa scendono nelle contrattazioni della mattinata dopo gli acquisti visti ieri in scia alle crescenti tensioni tra Washington e Pechino sui dazi. Proprio i timori legati alla questione commerciale hanno contribuito alla forte domanda nell’asta di Treasury decennali, collocati ieri per 22 miliardi di dollari, in contrasto con il risultato meno brillante del collocamento di titoli a tre anni di martedì. Il benchmark decennale cede 5/32, rendimento a 2,862%.
 
DATI MACROECONOMICI
FRANCIA
Prezzi consumo finali giugno (8,45) – attesa dato armonizzato 0,1% m/m; 2,4% a/a.
 
GERMANIA
Prezzi al consumo finali giugno (8,00) – attesa dato nazionale 0,1% m/m; 2,1% a/a; dato armonizzato 0,1% m/m; 2,1% a/a.
 
GRECIA
Tasso disoccupazione aprile (11,00).
 
ZONA EURO
Produzione industriale maggio (11,00) – attesa 1,2% m/m; 2,1% a/a.
 
USA
Prezzi al consumo giugno (14,30) – attesa 0,2% m/m; 2,9% a/a.
Guadagni reali settimanali giugno (14,30) – attesa 0,2% m/m.
Nuove richieste settimanali sussidi disoccupazione (14,30) – attesa 225.000.
 
ASTE DI TITOLI DI STATO
ITALIA
Tesoro offre 1,5-2 miliardi settima tranche Btp a 3 anni scadenza 15/4/2021, cedola 0,05%; 1,5-2 miliardi nona tranche Btp a 7 anni scadenza 15/5/2025, cedola 1,45%; 0,75-1,25 miliardi dodicesima tranche Btp a 15 anni scadenza 1/9/2033, cedola 2,45%; 0,75-1,25 miliardi quarta tranche Btp a 20 anni scadenza 1/9/2038, cedola 2,95%.
 
EUROPA
Irlanda, Tesoro offre 1-1,25 miliardi titoli di Stato a 10 e 27 anni.
 
USA
Washington, Tesoro offre 14 miliardi di dollari titoli di Stato a 30 anni, scadenza 15/5/2048.
 
BANCHE CENTRALI
EUROPA
Svezia, Riksbank pubblica verbali riunione di politica monetaria (9,30).
Zona euro, Bce pubblica resoconti riunione politica monetaria 13-14 giugno (13,30).
 
USA
Victor, intervento presidente Fed Filadelfia Harker (18,15).
 
APPUNTAMENTI
ITALIA
Roma, a convegno “Azionariato attivo”, aprono i lavori viceministri Economia Garavaglia e Castelli, presidente Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti Miani; intervengono presidente Assoprevidenza Corbello, presidente Assofondipensione Maggi (9,30).
Roma, presentazione rapporto 2017 Autorità garante Concorrenza e Mercato con Mattarella, Pitruzzella, Di Maio (10,30).
Roma, Camera, audizione Di Maio a commissioni Attività produttive e Lavoro (13,30).
Roma, Camera, commissione Affari costituzionali riunite, audizione Fraccaro (14,00).
Roma, Senato, question time (16,30).
Roma, a Consiglio Stato udienza su riforma banche popolari.
Milano, presentazione 32.ma edizione rapporto Ice “L’Italia nell’economia internazionale” con presidente Scannavini, AD Borsa Italiana Jerusalmi, presidente Istat Alleva; conclusioni sottosegretario Mise Geraci (10,30).
Cinisello Balsamo (Milano), assemblea Ucimu con Boccia (10,30).
 
EUROPA
Bruxelles, Commissione Ue pubblica stime macroeconomiche paesi Ue (Pil e inflazione).
Bruxelles, riunione Eurogruppo; partecipano Draghi e Couré (Bce).
Bruxelles, inizia riunione informale ministri Giustizia e Affari Interni; termina il 13 luglio.
Bruxelles, audizione ministro Finanze tedesco Scholz a Parlamento Ue su suo piano di riforma zona euro (9,00).
Innsbruck, trilaterale Salvini-Seehofer-ministro Interno austriaco Kickl (7,30).
Innsbruck, bilaterale Salvini-consigliera federale svizzera Simonetta Sommaruga (12,00).
Innsbruck, conferenza stampa di Salvini (12,45).
Innsbruck, bilaterale Salvini-ministro Interno francese Collomb (13,00).
Mosca, Putin incontra presidente palestinese Mahmoud Abbas.

Buongiorno,
alle 9,30 commento in diretta   a LE FONTI TV, ospite di Annabella D’Argento,  la decisione della FED e le possibili decisioni della BCE in un quadro oggettivamente teso Nel pomerriggio sarò ospite all’IT FORUM 2018 per tracciare lo scenario per la seconda parte del 2018 e d il prossimo 2019.
GIOV 14 GIU h. 9.30 LE FONTI TV INTERVISTA  IN DIRETTA   CON ANNABELLA D’ARGENTO
GIOV 14 GIU h. 1630 IT FORUM  CONFERENZA PROGRAMMA ED ISCRIZIONE
MERC 21 GIU h 17.30 JANUS CLUB GENIO ED INNOVAZIONE: SPINTE VITALI DELLE NOSTRE IMPRESE PROGRAMMA   JANUS CLUB PER L’INTERNAZIONALIZZAZIONE
MER 27 GIUGNO H. 16.30 IL PROCESSO DI RISK MANAGEMENT PER LE IMPRESE INDUSTRIALIseminario organizzato da Associazione Italiana Tesorieri d’Impresa ed ARPER
link  https://seminario-treviso.eventbrite.it
 
La decisione della Fe ampiamente  scontata ha liberato il mercato dall’influenza operativa dettata dall’attesa per consentire di guardare senza altri filtri alla decisione odierna della BCE.  Su questo fornte non vi sono scommesse condivise. C’è chi ritiene maturi i tempi per dichiarare la chiusura del QE, chi invece (probabilmente la maggioranza), si aspetta una chiusura a dicembrecon progressiva riduzione degli acquisti di Bond.
Continua a leggere