Il 2002 è già qui.  Si scrive 9 settembre 2021, si legge 2 gennaio 2022!

Con oggi riprendono dopo la pausa di Ferragosto, semmai fosse possibile parlare di pausa,  i consigli delle grandi banche centrali.

E’ la BCE ad aprire i lavori con un meeting che proprio nelle ultime settimane ha addensato nel suo programma temi che negli intenti del Presidente sarebbero entrati nell’agenda del 2022. Il rialzo dell’inflazione in Eurozona, il rimbalzo robusto della ripresa, unito ad altri fattori politici (campagna elettorale tedesca)  stanno invece anticipando questioni mai del tutto accantonate. Si tratta del rigore pragmatico invocato ai banchieri di Olanda ed Austria su delega politica della Bundesbank.

Il tema riguarda anche in Eurozona la questione della riduzione degli stimoli monetari.

La BCE oggi aggiornerà l’Outlook e con esso tutte le previsioni accessorie compresi i timori per le varianti Covid-19 che ruotano nella geo-sfera, l’ipotesi che l’aumento dell’inflazione sia di natura transitoria, inducono a pensare che tutto sommato i tempi non siano ancora maturi per una riduzione robusta del Pepp.

In linea strategica dopo le varie versioni della riduzione degli stimoli operate nel passato, taper tantrum,  il dovish tapering, la  Banca centrale europea potrebbe annunciare un ‘light tapering’ o semplicemente ventilarlo. In un contesto che pone le banche centrali su scala globale discutere  della prospettiva di ridurre gli acquisti di titoli messi in campo contro la pandemia, mentre la ripresa si irrobustisce, le tempistiche e la velocità dei tapering catturano l’attenzione di tutti gli operatori.

Ma attenzione, sarà comunque la Federal Reserve a dare il via ufficiale all’azione. In ogni caso le sfumature che assumeranno le misure che ogni singola banca centrale adotterà saranno multi-variate. Semplicemente si differenzieranno l’una dall’altra.  Per quanto attiene la BCE pensiamo che le condizioni che matureranno sulla base delle nuove stime economiche che verranno diffuse oggi al termine del meeting, imporranno  sfumature diverse dall’approccio della Federal Reserve o di altre banche centrali sull’eventuale revisione degli stimoli.

Al centro del dibatto dell’Eurozona è stato posto il programma Pepp e non il QE. Il primo è stato pensato per  l’emergenza Covid, il secondo era già operativo prima. La BCE potrebbe decidere nel primo caso di operare  un  taglio marginale nel ritmo del programma mensile di acquisto bond, attualmente a 80 miliardi di euro, lasciando inalterata la data di chiusura del Programma per l’emergenza pandemica (Pepp) da 1.850 miliardi a marzo. Come scritto la BCE rimarrebbe impegnata con il programma Qe di circa 20 miliardi di euro al mese, in vigore prima della pandemia e proseguito parallelamente al Pepp.

I tassi d’interesse rimarranno vicini allo zero per il prossimo futuro e il controllo delle banche centrali sul credito e sulla liquidità nell’economia è determinato principalmente dalla portata di questi programmi di acquisto e dalle indicazioni sul loro ritmo e sulla loro durata. Quindi, mentre il tapering della Fed e di altri istituti viene visto come una graduale conclusione degli acquisti entro un determinato periodo, se anche la Bce portasse a termine definitivamente il Pepp, il Qe resterebbe operativo anche dopo marzo.

Nel caso in cui l’inflazione, salita al 3%, dovesse effettivamente rientrare nell’area di stima della BCE, 1,4% nel 2023, il Board potrebbe decidere di rafforzare il QE per riportare il valore verso l’area obbiettivo del 2%. Nell’ultima rilevazione l’inflazione core quotava ancora l’1,6%.  La curva forward posiziona oggi l’inflazione tendenziale a cinque anni in prossimità dell’1,75%.

Nel mercato vi sono operatori istituzionali che contemplano che in futuro il  Qe potrebbe essere addirittura intensificato fino a 60-80 miliardi al mese senza una scadenza definitiva, al di là del miglioramento dell’economia, dell’inflazione e delle condizioni di finanziamento favorevoli, di cui parla il capo economista Bce Philip Lane.

Potremmo quindi trasporre al tapering tantrum il light tapering,  un tapering leggero se si guarda agli acquisti complessivi a livello mensile ma senza una data di conclusione all’orizzonte.

L’incognita più grande ora riguarda il modo in cui la banca centrale passerà da un programma all’altro. Considerando la fase di transizione non è da escludere che la Bnaca possa rivedere, tra la altre cose, le norme sulla ripartizione degli acquisti e la cosiddetta Capital Key sospese per l’emergenza. Il tema è rilevante perché alcuni paesi dell’Eurozona sono già oggi prossimi al limite previsto, mentre altri necessitano ampiamente del sostegno degli acquisti della BCE. L’Italia, come noto, fa parte di quest’ultimo gruppo.  L’operazione non sarà semplice. In passato si è fatto ricorso alla Corte Costituzionale tedesca per verificare la congruità giurisdizionale di tali deviazioni.

Il compito odierno di Christine Lagarde sarà oltre che politico anche tecnico quindi. La necessità di manovrare con cura tutto l’impianto degli stimoli rimane fondamentale. Si rischierebbe di compromettere la stabilità finanziaria dell’Eurozona e di conseguenza quella economica.

Con le elezione tedesche ed i tempi per la definizione della coalizione del successivo governo, l’agenda politica accelererà i tempi verso il 2022, anno in cui terminerà l’interruzione temporanea di tutte le regole di bilancio a partire dal Fiscal Compact.

MARKET MOVER

Per oggi quindi è plausibile considerare la possibilità che il consiglio deliberi una riduzione degli acquisti mensili nel Pepp, adeguandola al ritmo di 60-70 miliardi dagli attuali 80 miliardi per il quarto trimestre. Le decisioni di Francoforte tuttavia saranno probabilmente all’insegna della cautela e si intrecceranno con le sorti dell’altro programma di acquisti di Francoforte, il Qe. Al termine della riunione odierna sono attese anche le nuove proiezioni macroeconomiche che dovrebbero riflettere un miglioramento della situazione nella zona euro. I rendimenti dei bond nella zona euro hanno visto recenti rialzi anche dopo i toni ‘hawkish’ di alcuni esponenti Bce: ieri Robert Holzmann ha detto che Francoforte potrebbe dare una stretta alla politica monetaria prima del previsto.

Oltre al Consiglio BCE sono in programma oggi diversi interventi di esponenti della banca centrale statunitense, mentre il mercato cerca di capire se l’avvio del ‘tapering’ verrà rinviato alla luce degli ultimi dati sul lavoro Usa più deboli del previsto. Alcuni rappresentanti dell’istituto centrale Usa hanno sottolineato ieri che la Fed resta orientata a ridurre gli acquisti quest’anno. In quest’ottica saranno attentamente monitorati, nel pomeriggio, i numeri settimanali sulle richieste di sussidi di disoccupazione, viste in lieve calo.

PREZZI PRODUZIONE E CONSUMO CINA – In agosto i prezzi alla produzione in Cina hanno toccato il massimo di 13 anni sulla scia del netto incremento dei costi delle materie prime nonostante i tentativi di Pechino di ridurli. L’indice dei prezzi alla produzione ha registrato un +9,5% rispetto allo scorso anno, oltre le attese Reuters per +9,0% e il +9,0% di luglio. Si tratta del tasso di crescita più alto dall’agosto 2008. Nello stesso mese i prezzi al consumo hanno registrato un +0,8% su anno a fronte di attese Reuters per un incremento di 1,0%, in linea con il dato di luglio.

BILANCIA GERMANIA – A luglio l’import tedesco ha visto un calo del 3,8% su mese a fronte di attese per un incremento di 0,2%. L’export ha registrato un incremento di 0,5% su mese in linea con le attese e la bilancia commerciale ha visto un surplus di 17,9 miliardi di euro contro attese per un avanzo di 13 miliardi.

RISKOO MONITOR MARKET MOVER

RISKOO MONITOR MARKET MOVER

Ieri il cambio eur usd è sceso sulla spinta di un ritorno dell’avversione al rischio. I valori si sono spinti sino a testare l’area 1,18, ovvero la base che indicavamo ad inizio settimana come punto di riferimento per l’attesa dei mercati del meeting BCE odierno.   Ci aspettiamo reazioni e volatilità sia dopo la diffusione del comunicato stampa alle 13.45, sia più tardi durante la conferenza stampa delle 14.30.

Il range di dominio quota 1,1860-1,18. Violazioni dei limiti preludono ad un cambiamento sostanziale di bias di cui daremo indicazioni in questa pagina dopo le 16 di oggi a conclusione della conferenza stampa.

COMMENTI AL MEETING BCE DI  WLADEMIR BIASIA

  • COLLEGAMENTI IN DIRETTA STREAMING 10.30 FINANZA NOW
  • COLLEGAMENTO IN DIRETTA STREAMING 17.15 CNBC

IL 2022 INIZIA OGGI CON IL BOARD ELLA BCE

WB ANALYTICS: EUR USD B_T

H 15.30 REAZIONI ALLA DECISIONE DELLA BCE

Sulla base di una valutazione congiunta delle condizioni di finanziamento e delle prospettive di inflazione, il Consiglio direttivo ha ritenuto di ritiene mantenere le condizioni di finanziamento favorevoli con un ritmo degli acquisti netti di attività nel quadro del Programma di acquisto per l’emergenza pandemica (pandemic emergency purchase programme, PEPP) moderatamente inferiore rispetto ai due trimestri precedenti.

Il Consiglio direttivo ha inoltre confermato le altre misure, ovvero il livello dei tassi di interesse di riferimento della BCE, le indicazioni prospettiche (forward guidance) sulla loro probabile evoluzione futura, gli acquisti nell’ambito del Programma di acquisto di attività (PAA), le politiche di reinvestimento e le operazioni di rifinanziamento a più lungo termine.

In sintesi il Consiglio ha rimodulato gli acquisti del Pepp in una versione più flessibile confermando comunque l’intero ammontare di 1,850 miliardi di euro previsti in origine per il programma.

In conferenza stampa Christine Lagarde ha ribadito le linee note sull’inflazione e sulla ripresa in corso. Ha inoltre fatto esplicito riferimento all’andamento ancora non soddisfacente del riassorbimento dell’occupazione.

L’eur usd  è scivolato verso la parte del bassa del range che questa mattina avevamo fissato per l’odierno meeting. Ci aspettiamo tuttavia un ulteriore coda di debolezza. Il breakout di 1,18/1,1790 dovrebbe aprire la strada per un ritorno verso 1,17/1,1650. Il mercato si posizionerà ora per la riunione del 22 settembre della Federal Reserve continuando ad osservare i dati settimanali sull’occupazione.

COMMENTI AL MEETING BCE DI  WLADEMIR BIASIA

  • COLLEGAMENTO IN DIRETTA STREAMING 17.15 CNBC

SI MARKET MOVER DI QUESTA SETTIMANA

In attesa della pubblicazione delle minute Fed l’eur usd si porta al di sotto dei minimi dell’anno confermando dopo 1,17 il successivo target fissato nel nostro Outlook FX RISKOO 2021. Le banche centrali continuano a ragionare sull’uscita dallo stimolo emergenziale. Questa sera la Federal Reserve  pubblica le minute le dell’ultimo meeting Fomc, fondamentale per le prospettive di mercato a breve termine, soprattutto se confermerà che diversi policymaker sono inclini a ridurre il piano di acquisto emergenziale di obbligazioni entro la fine dell’anno. Secondo il presidente di Fed Boston Eric Rosengren, un altro mese di dati forti sul mercato del lavoro potrebbe sostenere un annuncio sul ‘tapering’ a settembre.

Il governatore della Fed si St. Louis, James Bullard, ha affermato questo pomeriggio che l’economia USA ha già compiuto progressi “sostanziali”  utili per ridurre i 120 miliardi di dollari al mese della banca centrale negli acquisti di attività.

Il presidente della Fed di St. Louis, che sarà membro votante del comitato politico della Fed nel 2022, ha dichiarato di volere che il tapering termini entro la fine del primo trimestre. Ciò darebbe alla Fed la possibilità di iniziare ad aumentare i tassi di interesse se l’inflazione rimanesse ostinatamente alta.

Bullard ha previsto che l’inflazione decelererà ad un tasso del 2,5% nel 2022 rimanendo sopra il il 3% quest’anno. Ha detto inoltre che i rischi di un’inflazione più alta superano quelli di un’inflazione più contenuta bassa.

Nell’intervista, Bullard ha detto che pensa che la Fed dovrebbe lasciare che il suo bilancio si riduca una volta che la banca centrale avrà terminato il tapering.

Questa è una svolta rispetto al precedente episodio di tapering della Fed nel 2014. All’epoca, i funzionari della Fed volevano vedere il tasso di interesse di riferimento della banca centrale salire sostanzialmente prima di consentire al bilancio di ridursi. Il bilancio si ridurrà naturalmente poiché la Fed non sostituirà i titoli in scadenza. Bullard ha affermato che i suoi colleghi non supportano la vendita di obbligazioni della Fed sul mercato.

La Banca d’Inghilterra ha elaborato un piano per vendere obbligazioni una volta che il suo tasso di riferimento raggiunge l’1%.

Bullard ha affermato di essersi opposto a qualsiasi mossa per aumentare l’obiettivo di inflazione della banca centrale al 3% dal suo attuale livello del 2%. Ha detto che causerà disordini nei mercati finanziari. All’inizio di questa settimana, diversi ex economisti della Fed hanno sostenuto il passaggio a un obiettivo più alto.

Al di qua dell’oceano, in base agli ultimi dati settimanali Francoforte ha accelerato l’iniezione di liquidità, mentre secondo un sondaggio Reuters potrebbe annunciare nel prossimo trimestre i piani per ridurre il suo programma di acquisto di asset. Quanto a Bank of England, stando agli economisti, l’istituto centrale inglese aspetterà il 2023 per incrementare i tassi.

Oggi la banca Centrale neozelandese non ha aumentato i tassi come il mercato si aspettava.

L’euro dollaro attende la lettura delle minute al di sotto del minimo fissato nei primi otto mesi dell’anno a 1,1706 eur usd. La violazione del livello, se confermata dopo la lettura dei verbali della Fed di questa sera,  apre la strada per un ulteriore flessione dei corsi in direzione del target fissato nel nostro Outlook FX RISKOO 2021 a 1,15.

Il dollaro continua a beneficiare delle aspettative sull’avvio del tapering contro tutte le principali monete fatta eccezione per alcune divise appartenenti all’area emergente come ad esempio il peso messicano. anche contro lo yuan renminbi prosegue la fase positiva orientata al recupero avviato alla fine della primavera. Come al tempo scritto i corsi hanno raggiunto il primo degli obbiettivi a 6,40 usd cny ed ora si appresta a risalire verso area 6,60 usd cny.

I dati rilasciati questa settimana dalle agenzie cinesi riportano le   Vendite al dettaglio a +8,5% contro le attese di +10,9%, gli investimenti fissi nel primo semestre a +10,3% contro attese di +11,3% e la produzione industriale +6,4% contro un consensus del +7,9%. Ciò riflette un rallentamento della crescita in  Cina e di conseguenza un possibile allentamento dei requisiti di riserva obbligatoria delle banche commerciali.

Nonostante la correzione dello yuan contro dollaro, il rapporto eur cny rimane ancora inserito all’interno di un ciclo riflessivo che dovrebbe portare il cambio anche in questo caso a confermare i nostri obbiettivi di eur cny fissati nell’Outlook FX RISKOO 2021, il primo dei quai quotava a 7,60. Dopo il test del target intermedio ci aspettiamo un ulteriore flessione in direzione di area 7,10 eur cny.

OUTLOOK FX RISKOO 2021 IN TARGET

 

OUTLOOK RISKOO: IL FERIE AUGUSTI DEI MERCATI

OUTLOOK RISKOO: ANALISI INTERMARKET

Con i dati su GDP e Lavoro USA siamo si è aperta la pausa di mezza estate preliminare alla riflessione che ci porterà direttamente ai lavori del Simposio della Fed organizzato, come ogni anno, a Jackson Hole nel Wyoming tra il 26 ed il 28 agosto.

I mercati attendono un pò assuefatti dall’iperliquidità presente, un pò trepidanti proprio per quanto potrebbe emergere dagli orientamenti futuri dei banchieri centrali riuniti a riformulare le loro strategie monetarie.

Il mondo della politica economica globale è nel mezzo di un dibattito sul rischio di inflazione: transitorio o strutturale?

Accanto a questo fenomeno molti si interrogano anche su altri rischi. Più propriamente  ci si chiede se siamo prossimi allo scoppio di una bolla di asset.
Ciò che sorprende è la quantità minima di discussioni sul fatto che la cosiddetta “era del denaro libero” di oggi del denaro libero” abbia creato pericolose bolle di asset. La storia mostra che lo scoppio di bolle di asset
può portare brutte conseguenze macroeconomiche.

Il dibattito non deve eludere la consapevolezza che negli Stati Uniti ad esempio,  il nuovo debito aziendale dopo la pandemia è salito alle stelle. Molte aziende, anche poco meritevoli sotto il profilo della loro sostenibilità economica, grazie al denaro leggero sono state in grado di riacquistare le loro azioni. La loro fragilità le renderebbe vulnerabili in un contesto di volatilità. Molti investitori ritengono che i mercati siano al riparo da un’eventuale turbolenza in quanto gran parte delle banche sistemiche siano ottimamente capitalizzate, mitigando gli eventuali effetti negativi per l’economia statunitense da una correzione del mercato qualora dovesse entrare in rotta di collisione.

Le maggiori banche d’investimento prevedono in effetti una correzione dei mercati di proporzioni contenute: 10/15%.

In una tale correzione, quale sarebbe la via di fuga per i flussi in cerca di un rifugio sicuro? I titoli del Tesoro americano? L’oro? Le Criptovalute? Le Materie prime in generale? Le monete safe haven?

Non c’è dubbio che in questo lungo ciclo di liquidità immessa dalle banche centrali sia stata alimentata un’assunzione di rischio probabilmente fuori scala, dove sono state premiate le attività finanziarie rispetto a quelle appartenenti all’economia reale. L’inflazione sui multipli in qualche misura conferma questa ipotesi, anche se potremmo sostenere come di questo fenomeno abbia alla fine beneficiato il meccanismo di trasmissione della politica macroeconomica all’economia reale.

Ciò nonostante la disconnessione tra tra i fondamentali ed i mercati appare come scritto fuori scala. Ciò crea tendenzialmente distorsioni che, se troppo stressate, rischiano di causare turbolenze.

La fiducia che i mercati hanno riposto sulla persistenza delle banche centrali a favorire linee monetarie accomodanti ha generato comportamenti meno razionali che in passato.

Le distorsioni che si sono manifestate proprio sull’economia reale. aumento dei prezzi, rialzo verticale dei prezzi delle commodity, tassi reali negativi, hanno spinto le principali economie fuori dalla deflazione (Giappone a parte) assistendo ad un’impennata dei prezzi input in parte scaricata dalle aziende sui listini ed in parte assorbita dalla marginalità. Questo processo tenderà a rendere meno transitoria l’inflazione.

Negli Stati Uniti il tasso tendenziale è ben al di sopra del 5%, mentre in Europa la crescita dei prezzi si è attesta in prossimità degli obbiettivi dichiarati dalla BCE al 2%.

E’ la Federal reserve quindi che dovrà muovere i primi passi per mitigare gli eventuali effetti dell’inflazione. Jackson Hole nelle attese costituirebbe la sede più appropriata per aprire ufficialmente il dibattito sul ritiro degli stimoli. Il percorso preliminare prevede almeno tre grandi tappe:

  • il Simposio JH dove si darebbe il via alla preparazione del processo,
  • la riunione del Fomc di settembre per convalidare lo scenario,
  • il meeting di dicembre per dare il via definitivo al programma di tapering.

I mercati avrebbero il tempo necessario per scontare gli effetti del nuovo ciclo monetario sulle quotazioni. Si eviterebbe in linea teorica l’apertura di una turbolenza derivata da un aggiustamento repentino delle valorizzazioni. Con buona probabilità l’aggiustamento produrrebbe una correzione mitigata dalla narrazione con cui le banche centrali, Fed in primis, accompagnerebbe i mercati verso la nuova fase.

MARKET MOVER

Abbiamo riportato la sintesi della ricerca WB Advisors per ogni asset class . per rimanere aggiornati iscrivetevi al nostro RISKOO OUTLOOK REPORT

OUTLOOK RISKOO EQUITY

I mercati azionari appartenenti all’area occidentale, Usa ed Europa,  sono entrati in pseudo trading range da diverse settimane, quelli emergenti trainati dalla Cina hanno corretto ampiamente le loro quotazioni.

  • Lo Standard & Poor 500 si è dimostrato il meno incline a contenere l’esuberanza. Tutte le correzioni al trend dominante si sono dissolte a ridosso dei livelli di controllo del rischio che di volta in volta avevamo fissato evitando di entrare in una sequenza in grado di compromettere la tenuta del ciclo. La nostra posizione più cauta ha tuttavia prevalso in una logica di disallineamento.  (livello di rischio sotto 4350 & 4300)
  • L’Eurostoxx 50 dal mese di aprile ha lavorato su basi più difensive. Nell’ultima settimana ha cercato di allinearsi all’esuberanza del mercato azionario americano. (livello di rischio sotto 3950)
  • Nasdaq 100 La tecnologia ha beneficiato più di altre asset class l’esuberanza mediatica di questo ciclo per tutte le ragioni che possiamo ricondurre al nuovo paradigma dei comportamenti sociali post pandemia. L’indice dopo una fase di consolidamento aperta tra fine 2020 e maggio 2021 ha avviato un nuovo rally esposto comunque ad un ritracciamento nel breve. (livello di rischio sotto 14,000)
  • China L’indice CHINA MSCI perde dai massimi di febbraio tra il 27 ed il 30%. L’indice Shanghai Composite sta recuperando rispetto alla correzione del 10% ma per definire un quadro più soddisfacente rispetto alla stabilità del recupero necessita di ulteriori conferme con ritorno oltre 3550.

    IL FERIE AUGUSTI DEI MERCATI

    WB ANALYTICS: STANDARD & POOR 500

OUTLOOK RISKOO YIELD RATE

I rendimenti  benchmark del mercato dei bond governativi sono scesi ai livelli che precedevano la lettura del rialzo dell’inflazione. Ci si interroga sul ritracciamento dei rendimenti in un quadro di pressioni inflative e di orientamenti da parte di banche centrali, al momento circoscritte alle aree emergenti e poco più, verso una revisione al rialzo dei propri tassi di riferimento.

  • L’US Treasury 10 y yield dopo aver impensierito non poco gli investitori toccando quota 1,80% è sceso sino a dimezzare (quasi) le proprie quotazioni a 1,12%. In attesa del discorso che terrà Jerome Powell a Jackson Hole, ci aspettiamo che i rendimenti consolidino l’area 1,40-1,10%. La discesa tende ad offrire argomenti a quanti sostengono la linea del Governatore Powell sulla transitorietà dell’inflazione. A questi dovremmo unire quanti invece ritengono che l’economia possa decelerare in un prossimo futuro.
  • In parallelo al Tresury il 10 y yield Bund è sceso nuovamente verso i minimi negativi storici fissando un -0,52% toccando anche in questo caso i livelli di fine 2020 ed inizio anno. Ci sembra che la coda finale del ribasso rientri in un contesto di eccesso per cui ci aspettiamo un recupero limitato a breve. In ogni caso in attese diJH ci aspettiamo un riequilibrio verso -035%.
  • Il BTP 10 y yield ha beneficiato di questo passaggio generale riportando le quotazioni verso 0,50%. L’eccesso di ribasso da noi riscontrato favorirà una reazione contenuta sotto quota 0,65% dove sono presenti al momento possibili buy order sul secondario. Tendenzialmente ci aspettiamo una discesa dei corsi ulteriore senza escludere a priori un ribasso oltre gli attuali minimi.
IL FERIE AUGUSTI DEI MERCATI

WB ANALYTICS: US TREASURY 10 Y YIELD ADVANCE CYCLE TREND

OUTLOOK RISKOO COMMODITY

A fine primavera avevamo segnalato nei nostri Outlook WB Commodity Perspectives l’apertura di un’articolata fase di correzione dei prezzi delle commodity industriali a partire dal rame.

  • Per il Copper HG (LME)  ci aspettavamo un’iniziale correzione da 10739 usd/t (LME) a 9000 usd. La successiva reazione avrebbe, secondo l’articolata correzione attesa descritta nel report di giugno e luglio, riportato nuove prese di beneficio con spinte regressive che al momento preludono ad un ulteriore gamba di ribasso importante in direzione dei target stimati.
  • Sulla linea del rame dovremmo ritrovare nelle prossime settimane altri metalli tra cui l’Acciaio nelle sue diverse declinazioni e quotazioni di riferimento.
  • Il petrolio, che la  nostra ricerca copre eleggendo come benchmark il Brent Oil, dopo aver più volte tentato di oltrepassare la soglia dei 78 usd/bar sta nuovamente ripiegando in direzione della trigger line 68,50 usd al cui breakout potrebbero verificarsi significativi sell order a protezione di tattiche e strategie ancora rialziste. L’evento tenderà a confermare i target riflessivi indicati anch’essi nei nostri ultimi report a 65 e 60 usd/bar.

Le considerazioni esperite sull’andamento delle commodity in generale dovrebbero favorire altresì un riequilibrio ancorché solo marginale,  dei noli marittimi. Le quotazioni del Baltic Dry Index rimarranno inserite in un ciclo positivo di medio termine 2021/22. Le tendenza dominante continua ad evidenziare lo sviluppo di un rialzo a medio termine che alla fine potrebbe capitalizzare un ulteriore incremento nell’ordine del 30%. A breve non escludiamo qualche perdita di momentum, tuttavia essa appare propedeutica a rafforzare il trend dominante. L’evoluzione del rapporto tra pandemia e ripresa continuerà a giocare un ruolo significativo sull’offerta dei noli e le loro quotazioni.

IL FERIE AUGUSTI DEI MERCATI

WB ANALYTICS: COPPER LME

IL FERIE AUGUSTI DEI MERCATI

WB ANALYTICS: BRENT CRUDE OIL ADVANCE TREND CYCLE

OUTLOOK RISKOO FOREX

Da almeno 5 settimane il Dollar Index continua a premere sotto quota 93 per oltrepassare l’ostacolo tecnico che si oppone all’apertura del rally che dovrebbe spingere i valori verso i nostri target stimati in area 96 con ulteriori potenziali progressioni. Il Tapering di cui abbiamo ventilato l’applicazione da parte delle Federal Reserve innescherebbe il movimento atteso.

  • L’eur usd dopo l’ennesimo ritorno in area 1,2250 è repentinamente sceso verso i. minimi dell’anno posizionati a quota 1,17. I nostri algoritmi confermano che le condizioni tecniche utili per l’atteso breakout siano mature. Il nostro FX Outlook Riskoo confermerebbe quindi i target stimati per il 2021 dopo il collaudo di quello intermedio a 1,17.
  • Completate le procedure per la separazione definitiva della Gran Bretagna dall’UE a fine 2020, la sterlina ha avviato l’atteso movimento di recupero rispetto alla regressione subita durante il processo Brexit. Ci aspettiamo un ulteriore graduale apprezzamento del pound in linea con lo scenario delineato per il 2021 dove area ,82 eur gbp rappresenta il primo dei target di riferimento.
  • Il rapporto usd cny sta perfromando secondo il percorso previsto dal nostro modello: i corsi eur cny dovrebbero avvicinare a breve termine area 7,60. Ciò significa che l’eur cny dopo aver verificato il target intermedio a 6,60 si appresta a scendere in direzione di area 6,7,50 a breve, 7,20  a medio termine.

In generale l’euro rimane indebolito da una linea di policy monetaria più accomodante in Eurozona che in altre aree. Alcune monete emergenti presentano con dizioni di forza relativa estremamente positive: chf, cad, rub, czk, huf,  mxn,  krw, sgd, idr, inr.  Ci aspettiamo anche un recupero dello yen con ritorni rapportabili alle quotazioni di inizio anno. Per quanto riguarda altre monete ci aspettiamo una ripresa della loro forza contro euro a partire dal nok e sek per proseguire con l’aud. Per i dettagli tecnici richiedi il nostro FX RISKOO OUTLOOK REPORT

IL FERIE AUGUSTI DEI MERCATI

WB ANALYTICS: DOLLAR INDEX TREND CYCLE

IL FERIE AUGUSTI DEI MERCATI

WB ANALYTICS: EUR USD ADVANCE TREND CYCLE

 

RISKOO FX RISK MANAGEMENT MODEL

WB RISKOO FX OUTLOOK

WB RISKOO FX OUTLOOK AGO 21

DELTA INFLATION

La variante delta verso l’inflazione delta: cosa pensano alla Fed?

In attesa della riunione Fed 

La discussione sul ritiro degli stimoli monetari è da tempo presente nelle riflessioni dei consiglieri Fed. Jerome Powell tende, mitigando l’attuale congiuntura con il messaggio sulla transitorietà dell’inflazione, a preparare i mercati verso uno scenario in cui può esserci lo spazio per un tapering, magari annacquato, ma lo spazio c’è.

Questa è la nostra sensazione osservando i dati e la congiuntura del ciclo economico.

Sappiamo che il presidente Powell esprime tuttora una view piuttosto cauta rispetto alla crescita dei prezzi. Abbiamo nei report precedenti cercato di mettere a fuoco questa sua convinzione fissando alcuni punti:

i prezzi delle commodity sono saliti in un contesto straordinario. In moli casi, come abbiamo scritto nel WB COMMODITY PERSPECTIVES©, i valori hanno performato degli eccessi destinati a rientrare nel breve medio periodo.

Il ciclo economico ha fatto leva su condizioni eccezionali dovute alla riaperture ed ai colli di bottiglia che si sono formati nella supply chain.

La risposta positiva delle aziende ai sondaggi sulla fiducia in merito alla ripresa ha alimentato una solida crescita sul lato manifatturiero, contribuendo a determinare tassi di recovery significativamente robusti. 

La comunicazione ufficiale della Fed e delle banche centrali in generale fa leva quindi sul fattore di straordinarietà da cui deriva una visione della crescita dei prezzi come fenomeno transitorio.

Molti economisti temono invece che la ripresa dell’inflazione sia qui per durare a lungo e creare un vero e proprio ciclo. Noi, come già scritto, ci posizioniamo nel mid range. Pensiamo che gli aumenti dei prezzi operati dalle aziende verranno consolidati secondo lo schema che segue. … Per continuare a leggere 

Prende il via la prima effettiva settimana di luglio con l’eco di quanto rilasciato lo scorso venerdì dal Dipartimento del lavoro negli Stati Uniti. Le statistiche sull’occupazione del mese di giugno hanno da un lato evidenziato un elevato numero di nuovi assunti +850k contro un’attesa di +700k. Il dato con verge con gli obbiettivi della Fed a livello quantitativo. L’esito più che positivo è stato parzialmente mitigato da un aumento  della crescita del costo del lavoro inferiore alle attese.  La retribuzione oraria media per tutti i dipendenti sui libri paga privati ​​non agricoli è aumentata di 10 cent a $ 30,40 a giugno, dopo gli aumenti di maggio e aprile (+13 cent e +20 centesimi, rispettivamente).  I dati suggeriscono che la crescente domanda di lavoro associata alla ripresa dalla pandemia potrebbe aver esercitato una pressione al rialzo sui salari. Tuttavia, poiché la media oraria i guadagni variano ampiamente tra i settori, le grandi fluttuazioni occupazionali da Febbraio 2020 complica l’analisi delle recenti tendenze della retribuzione oraria media.

In ogni caso i dati nel loro insieme avvallano l’ipotesi che all’interno del Board della Federal Reserve si continui a discutere su un futuro ritiro degli stimoli monetari.

Mercoledì sera saranno pubblicati i verbali dell’ultima riunione del Fomc. Avremo modo quindi di analizzare i dettagli sulle posizioni assunte all’interno del Consiglio e verificare le aspettative che hanno spinto  a proiettare i rialzi dei tassi prima del previsto attraverso il l’analisi del modello “dot plot”. Cercheremo anche indizi in merito al previsto tapering degli acquisti di asset.

Nel frattempo, le riunioni delle banche centrali si terranno in Australia e Malesia senza cambiamenti previsti tra i vari gradi di recrudescenza di COVID-19.

Oltre alla consueta attenzione riservata alle mosse di politica monetaria, la settimana si caratterizza per la pubblicazione dei rapporti PMI sui servizi su scala globale.

I servizi mondiali e i PMI compositi saranno quindi al centro dell’attenzione dopo il rilascio dei PMI manifatturieri globali della scorsa settimana. Quest’ultimi hanno evidenziato la continua divergenza nella crescita in mezzo alla ripresa dei casi di COVID-19. L’impatto di ulteriori ondate di virus è stato particolarmente evidente in varie economie asiatiche. Al contrario, gli Stati Uniti e l’Eurozona continuano a registrare buoni risultati, pur subendo vincoli di offerta e pressioni sui prezzi.

Stiamo analizzando gli elementi che hanno spinto i prezzi al rialzo a partire dalle dinamiche sulle quotazioni delle commodity. Questa settimana pubblichiamo il report aggiornato sulle nostre aspettative in merito alle tendenze in corso. Nell’ultimo mese avevamo fissato per le commodity industriali, in particolare per i metalli non ferrosi una variazione di prezzi al ribasso piuttosto importante. Il rame è sceso nell’ordine dal picco di maggio al minimo di giugno nell’ordine del 15%. Abbiamo analizzato l’attuale reazione per contestualizzarla in un movimento ciclico più ampio.

Con l’aumento dell’inflazione dei servizi, i sottoindici dei prezzi saranno interessanti per far luce sulla velocità con cui sono aumentati i costi di input e di output e le implicazioni per l’inflazione, la crescita dei salari e i margini aziendali.

Anche i dati sull’inflazione cinese di giugno saranno attentamente monitorati dopo che gli ultimi PMI manifatturieri di NBS e Caixin hanno suggerito di allentare le pressioni sui prezzi. Con il rilascio completo dei report di giugno potremo analizzare come sia cambiata l’inflazione tra i settori tramite i PMI settoriali pubblicati da Markit.

RISKOO MONITOR MARKET MOVER

RISKOO MONITOR MARKET MOVER

Il dollaro dopo la pubblicazione dei dati sull’occupazione si prende una pausa sui timori di rialzo dei tassi, con gli occhi sulle minute Fed che verranno diffuse mercoledì. Attorno alle 7,45 il cross euro/dollaro è a 1,1856 (in calo di 0,07%), il cambio euro/yen è a 131,74 (in rialzo di 0,02%) mentre il dollaro contro yen scambia a 111,11 (in rialzo di 0,06%).

Venerdì l’eur usd ha aperto la sessione a 1,1835 tentando dopo il dato di violare al ribasso quota 1,1830 dove transita il sostegno tecnico che dallo scorso anno stiamo tracciando sui nostri grafici. Analizzeremo nel nostro OUTLOOK FX RISKOO quali possano essere le implicazioni tecniche del rimbalzo all’interno del quadro ciclico del dollaro.

market mover monitor week

WB ANALYTICS: EUR USD

GREGGIO

Alla stessa ora il future sul Brent quota in rialzo di 3 cent a 76,20 dollari al barile e il future sul Nymex viaggia in rialzo di 6 cent a 75,22 dollari. Oggi torna a riunirsi il gruppo Opec+, dopo che l’Arabia Saudita ieri ha contrastato l’opposizione degli Emirati arabi uniti alla proposta di un accordo e ha chiesto una soluzione di “compromesso e razionalità”.

TREASURIES

Il benchmark decennale sui mercati asiatici rende 1,431%, rispetto alla chiusura a 1,432%.

BTP – In una seduta che vedrà la piazza Usa chiusa per festività, i riferimenti per l’avvio sono i 101 punti base per lo spread Italia-Germania sul segmento decennale e lo 0,78% per il tasso del Btp a 10 anni, agosto 2031.

Oggi la BCE pubblicherà la consueta fotografia settimanale sull’andamento degli acquisti Bce nell’ambito dei programmi Pepp e Qe. Questo pomeriggio Francoforte renderà disponibile anche lo spaccato mensile sugli acquisti di titoli italiani per giugno dopo che a maggio gli acquisti erano stati pari a 585 milioni di euro.
Da monitorare gli interventi della presidente dell’istituto centrale Christine Lagarde a due eventi alle 11 e alle 13,30. Ieri intanto il presidente della banca centrale olandese Klaas Knot, in un’intervista a NRC Handelsblad, ha detto che il rialzo dell’inflazione in Europa potrebbe non essere temporaneo, segno che il dibattito tra ‘falchi’ e ‘colombe’ su inflazione e stimolo prosegue. Sabato la consigliera Bce Isabel Schnabel ha detto che l’inflazione nella zona euro potrebbe avvicinarsi all’obiettivo di Francoforte “nel medio termine”.

Si entra nella settimana conclusiva del I°Q di questo 2021. I principali dati in calendario si concentrano tra giovedì e venerdì quando avremo la pubblicazione dei sondaggi PMI in Europa, Stati Uniti e Cina relativi al mese di giugno. Inoltre il calendario offre i dati sulle vendite al dettaglio in Germania, sull’inflazione europea ed a seguire, nel pomeriggio di venerdì, le statistiche sull’occupazione USA. Si tratta di un calendario ad alta intensità di market mover .

I PMI manifatturieri mondiali saranno sotto i riflettori dopo il rilascio della scorsa settimana dei PMI flash. I recenti dati PMI hanno confermato la forte crescita negli Stati Uniti e in Europa, mentre molti altri paesi continuano a lottare  contro il virus, in particolare Giappone e India. La grande ripresa è tuttavia accompagnata da un aumento dell’inflazione a causa della carenza di offerta, quindi saremo ansiosi di analizzare  se nuovi ritardi nella catena di approvvigionamento dovuti a ulteriori ondate di virus potrebbero oscurare ulteriormente le prospettive di inflazione.

Per gli Stati Uniti oltre all’inflazione stiamo monitorando l’andamento dell’occupazione. La  Fed ha vincolato le proprie decisioni di policy all’andamento dell’una e dell’altra.  Analizzeremo quindi il quadro dell’occupazione a partire dal rapporto di mercoledì dove l’ADP rilascerà le proprie stime per i nuovi occupati escluso il settore agricolo (att +600k), per finire venerdì con il rapporto sull’occupazione di giugno rilasciato dal Bureau of Labor Statistics. Il dato Nonfarm Peyrolls è atteso in crescita a +675k rispetto al precedente mese di maggio a +559k.

La Fed guarda con estremo interesse ad entrambi i valori: inflazione e occupazione. Sappiamo che la linea ufficiale continua a sottolineare la natura transitoria della crescita dei prezzi, tuttavia recentemente il presidente J Powell ha riconosciuto il rischio che l’inflazione possa essere superiore a quanto previsto in precedenza. Ciò  è congruente con i segnali provenienti dai dati PMI.

Come scritto, la Fed guarda con estremo interesse ad entrambi i valori: inflazione e occupazione. Sappiamo che la linea ufficiale continua a sottolineare la natura transitoria della crescita dei prezzi, tuttavia recentemente il presidente J Powell ha riconosciuto il rischio che l’inflazione possa essere superiore a quanto previsto in precedenza. Ciò  è congruente con i segnali provenienti dai dati PMI.

Sul fronte prezzi, segnaliamo la correzione dei valori di molte commodity industriali in linea con le nostre anticipazioni fatte a maggio. rame sono scesi verso l’area obbiettivo 9000 usd/ton

Da qui ci aspettiamo almeno una reazione, peraltro già avviata nella sessione di venerdì.  Osserveremo con estrema attenzione tale movimento in quanto se gli acquisti non riusciranno a spingere le contrattazioni oltre la soglia 9650/700 il rame rischia di scendere ulteriormente, magari puntando ad un ribasso che spinga i valori al di sotto di quota 9000 usd/ton. Qualora tale movimento dovesse verificarsi verrebbe a mancare uno dei principali driver che hanno sostenuto l’inflazione negli ultimi sei mesi.  Ciò detto, il quadro dell’inflazione a lungo termine sarà in larga misura determinato anche dall’entità del rallentamento del mercato del lavoro e dalla crescita dei salari.

Nel WB COMMODITY PERSPECTIVES che pubblicheremo in settimana affronteremo ovviamente il tema con tutti i dettagli tecnici mettendo in prospettiva anche le quotazioni dei noli marittimi ed ovviamente i prezzi del petrolio. I noli dovrebbero subire una correzione a breve nonostante che le quotazioni del greggio rimangano ancora inserite in un quadro tecnico positivo. Ci aspettiamo che il Brent possa raggiungere il nostro target in area 78/80 usd/bar facendo leva su quota 71 usd.

Infine I dati flash sull’inflazione dell’eurozona saranno inoltre pubblicati in vista del sondaggio Tankan del secondo trimestre in Giappone e di un aggiornamento sul PIL del primo trimestre del Regno Unito . Attenzione anche agli ordini di fabbrica statunitensi, alla disoccupazione nell’eurozona e ai vari indicatori di attività fuori dal Giappone, comprese le vendite al dettaglio e la produzione industriale.

RISKOO MONITOR MARKET MOVER

RISKOO MONITOR MARKET MOVER

Prosegue la fase di recupero del dollaro sui mercati. La scorsa settimana si sono concretizzati alcuni segnali indicati in precedenza, quali la discesa dell’euro, l’apprezzamento del dollaro sullo yuan renminbi oltre 6,40 usd cny. Recentemente abbiamo assistito a rialzi dei tassi da parte di diverse banche centrali “periferiche”. Di conseguenza si sono registrati ulteriori recuperi sull’euro da parte di molte divise emergenti quali il rublo, alcune monete dell’area Eastern Europe, il peso messicano.

La scorsa settimana, L’eur usd ha delimitato i rimbalzi, dopo la discesa conseguente all’ultimo Fomc della Fed, a quota 1,1960/70 confermano il percorso ci aspettiamo. Questa settimana il mercato verificherà come scritto il dato sull’occupazione per prendere, qualora sia confermato, ulteriori posizioni lunghe di dollari. Non escludiamo quindi, qualora verdì il dato confermi le attese, di assistere ad un ulteriore gamba positiva della divisa americana verso area 1,1840/20 eur usd. Di converso sarà ancora una volta area 1,1980 a porre resistenza ad eventuali rialzi. I nostri algoritmi continuano a mantenere dal mese di febbraio l’indicatore ciclico sul cambio eur usd al ribasso, dopo aver segnalato un’ultima condizione di eccesso di rialzo a cavallo tra la fine dell’anno e gli inizi del 2021.

OCCHI CONCENTRATI SULL’OCCUPAZIONE USA

WB ANALYTICS: EUR USD

I dati MARKIT PMI relativi al sondaggio Markit aggiornano il sentiment delle aziende dopo i picchi che si sono registrati negli USA ed il rialzo in Eurozona. La configurazione di questi sondaggi ha messo in evidenza negli ultimi mesi l’accelerazione della ripresa negli Stati Uniti su entrambi i comparti: manifatturiero e servizi. In Europa abbiamo visto un’accelerazione del rialzo del comparto manifatturiero, mentre i servizi a causa dei blocchi sociali hanno fatto fatica a raggiungere la soglia 50, spartiacque tra crescita e decrescita.

In ogni caso ci sembra piuttosto normale che dopo i significativi rialzi si registri una pausa verso un consolidamento della fiducia. Benché le aziende campione del sondaggio abbiano espresso ottimismo verso la ripresa, non dobbiamo dimenticare che i problemi legati alle forniture, distribuiti lungo tutta la supply chain, possano produrre incertezza se non insoddisfazione verso un processo di normalizzazione che stenta a delinearsi.

Per la maggior parte dei dati ci aspettiamo quindi una limatura dei valori, con invece un ulteriore recupero per il comparto dei servizi in Eurozona grazie alle riaperture.

CALENDARIO MARKIT PMI

PMI COMPOSITE   SONDAGGIO PURCHASE MANAGER INDEX EUROPA ATT PREC

 

26 min   EUR Indice PMI manifatturiero francesi (Giu) 59,0 59,4
26 min   EUR Indice PMI Markit composito francese (Giu) 59,0 57,0
26 min   EUR Indice dei direttori agli acquisti del settore terziario francese (Giu) 59,4 56,6
41 min   EUR Indice PMI composito tedesco (Giu) 57,5 56,2
41 min   EUR Indice dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero (Giu) 63,0 64,4
41 min   EUR Indice dei direttori degli acquisti del settore servizi tedeschi (Giu) 55,5 52,8

PMI EUROZONA

  EUR Indice PMI manifatturiero (Giu) 62,1 63,1
10:00   EUR Indice composito dei servizi (Giu) 58,8 57,1
10:00   EUR Indice dei direttori agli acquisti del settore servizi (Giu) 57,8 55,2

 

PMI USA

  USD Indice dei direttori agli acquisti del settore manifatturiero (Giu) 61,5 62,1
15:45   USD Indice Markit PMI Composito (Giu) 68,7
15:45   USD Indice dei direttori agli acquisti del settore terziario (Giu) 70,0 70,4

In ogni caso la lettura dei dati Markit PMI riserva sempre molto interesse, se non altro perchè rappresentano un indicatore di estrema importanza anche per la lettura dello scenario delle banche centrali.

Come sappiamo esse continuano a tenere la scena in quanto i mercati sono attenti ad ogni loro intervento per comprendere quali possano essere gli sviluppi sulla linea di policy monetaria. Ieri sera le parole di Powell sull’inflazione transitoria e l’attesa per maggiori indizi economici prima di passare a una politica più restrittiva hanno rincuorato i mercati dopo i timori innescati con la riunione Fed del 16 giugno. Questa mattina avremo un intervento del vicepresidente della BCE, Luis de Guindos, che fa eco ad un ulteriore intervento di ieri del capo economista Philip Lane. Lane ha detto che l’inflazione nella zona euro crescerà a un ritmo costante nei prossimi anni ma non c’è il rischio di un nuovo periodo di crescita dei prezzi eccezionalmente alto. Insomma l’attenzione rimane alta in quanto la posta in gioco risulta rilevante.

Dai verbali relativi al meeting di aprile risulta che i consiglieri di Bank of Japan abbiano invece confermato che gli stimoli messo in campo durante la pandemia tenderanno ad accelerare la ripresa dell’economia giapponese, con i consumi interni che potrebbero dare una spinta importante vista la quota di risparmi accumulata dalle famiglie. Per il momento i dati Markit PMI non lo confermano. Infatti il governatore Haruhiko Kuroda ha dichiarato stamani di avere spiegato al primo ministro Yoshihide Suga la decisione della banca centrale di estendere il programma di sostegno pandemico.

Anche la BANCA CENTRALE AUSTRALIA   ha confermato la stessa linea: il pieno impiego rimane una priorità, ha detto Luci Ellis, assistant governor di Reserve Bank of Australia, ribadendo l’impegno della banca centrale per una politica monetaria accomodante.

Intanto, sul fronte criptovalute si sta giocando la partita della Cina, sempre più severa nella stretta sulle monete digitali. Bitcoin è rimbalzato, superando i $ 30.000 dopo aver cancellato brevemente i guadagni dell’anno.

DATI GIAPPONE – L’attività manifatturiera a giugno ha registrato il ritmo di espansione più lento da quattro mesi a giugno, a 51,5 dal precedente 53, segnale che lo slancio della ripresa della terza economia mondiale sta diminuendo prima delle Olimpiadi che Tokyo ospiterà il mese prossimo. Nella revisione il leading indicator di aprile si attesta a 1,4.

DATI ZONA EURO – Dopo che la fiducia dei consumatori nel blocco a giugno ha registrato il livello più alto da tre anni e mezzo secondo i dati diffusi ieri, tra i driver della giornata i sondaggi Pmi relativi a giugno in arrivo questa mattina da Germania, Francia e zona euro, con l’attività del settore servizi attesa in miglioramento sulla scia delle riaperture e dei progressi delle campagne vaccinali.

MARKET MOVER RISKOO MONITOR

 BANCHE CENTRALI

  • EUROPA
    Zona euro, riunione ‘Governing Council’ Bce a Francoforte; riunione ‘General Council’ il 24 giugno. No decisione tassi.
    Zona euro, intervento online vice presidente BCE de Guindos (9,30).
    Zona euro, videomessaggio pre-registrato presidente BCE Lagarde a evento organizzato in ricordo del Prof Enderlein da Hertie/Delors Institute (18,00).
  • USA
    Interventi online seguenti presidenti FED:
    * Washington, consigliere board FED Bowman (15,00);
    * Atlanta, Bostic (17,00);
    * Boston, Rosengren (22,30).

INFLAZIONE USA VS PRODUZIONE UE

 

RISKQ MORNING AUDIO

L’inflazione USA è aumentata in aprile, principalmente sulla scia dei prezzi più alti delle auto, in modo preoccupante. Lascia dubbi la posizione della FED secondo cui l’aumento risulterebbe transitorio. Ci aspettiamo che presto rivedano la loro linea di policy monetaria.

4,2% IL TASSO TENDENZIALE ANNUO

I mercati hanno reagito con l’atteso aumento della volatilità nel comparto equity e sul Forex (VEDI AUDIO VIDEO YOU FINANCE)

Nel commento abbiamo segnalato i potenziali target del movimento regressivo verso cui Standard & Poor 500 e Nasdaq potrebbero puntare nelle prossime sessioni. Area 4000 di S&P ci sembra molto importante ai fini della tendenza di medio termine. La nostra idea è che i mercati approfitteranno del dato sull’inflazione per riequilibrare gli eccessi maturati spingendo l’S&P sotto il supporto indicato.

Nel mercato dei cambi abbiamo assistito ancora una volta a una reazione irrazionale con movimenti che inizialmente avevano spinto l’eur usd a 1,2080 salvo registrare un immediato recupero a 1,2130 per poi cedere definitivamente verso l’area tecnica 1,2060/50. Come abbiamo scritto in precedenza la violazione di tale livello apre la strada per un ritorno dei corsi verso un altro test significativo coincidente con quota 1,20/1,1990.

Oggi non sono attesi in calendario dati importanti, fatta eccezione per le richieste dei sussidi di disoccupazione negli USA. Ci aspettiamo un impatto neutro.

Maggiore influenza avrà la risposta del mercato azionario europeo rimasto sinora impermeabile o quasi agli eventi americani. Ci aspettiamo un riallineamento dei ribassi.

vale la pena ritornare al dato sull’inflazione statunitense per effettuare un’analisi statistica.

Per molti mesi abbiamo avvertito la prospettiva di un aumento dell’inflazione negli Stati Uniti. I prezzi nella componente core (esclusi alimentari ed energia) sono aumentati dello 0,9% contro lo 0,3% atteso.   Si tratta della più alta lettura su base mensile mai registrata prima del settembre 2009 e la più alta lettura di base dal 1981. Il dato riporta i tassi di inflazione annuali rispettivamente al 4,2% complessiva e al 3% componente core.

L'inflazione USA è aumentata in aprile

US CPI INFLATION RATE

Questa è la lettura mensile più elevata dal settembre 2009.

I dettagli mostrano che i prezzi delle auto usate hanno determinato l’impatto maggiore, con un balzo del 10% su base mensile.  Le distorsioni relative alla riapertura hanno esercitato un ulteriore pressione  con i prezzi delle attività ricreative in aumento dello 0,9%, le materie prime in aumento dell’1,1%, il cibo in aumento dello 0,4% e l’istruzione e l’abbigliamento entrambi in aumento dello 0,3% su base mensile.

L’energia è diminuita, ma a parte questo le uniche componenti “favorevoli” sono state l’affitto equivalente dei proprietari (ma che salterà oltre il 2H21 come risposta ritardata all’aumento dei prezzi degli immobili) e l’assistenza medica.

 

La Commissione europea ha diffuso ieri le previsioni economiche di primavera aggiornate al rialzo rispetto a quelle di tre mesi fa. L’intera Ue è vista in crescita del 4,2% quest’anno e del 4,4% il prossimo, rispetto al +3,7% e al +3,9% di febbraio. Un miglioramento dovuto sia all’accelerazione delle campagne vaccinali, e al conseguente venir meno di misure di lockdown, che all’implementazione del Next Generation Eu. Bruxelles ha ritoccato all’insù anche le stime sull’Italia passate dal +3,4% per il 2021 e dal +3,5% per il 2022 al +4,2% e al +4,4% rispettivamente.

 

RISKOO MONITOR MARKET MOVER
RISKOO MONITOR MARKET MOVER

Ci aspettiamo ancora volatilità sul cambio eur usd. Tuttavia pensiamo che il mercato approccerà nelle prossime ore area 1,2060/50 dove collochiamo da tempo il sostegno che ci separa dal test fondamentale di 1,20 su cui già a fine aprile avevamo acceso la vostra attenzione per ritornare a considerare un nuova fase riflessiva del cambio eur usd.

Ricordiamo che nelle prossime settimane il mercato si preparerà alla riunione della BCE in calendario il 10 giu ed a seguire della Fed per catturare nuove indicazioni che proverranno dagli aggiornamenti di scenario delle due banche centrali. Nel nostro report FX OUTLOOK RISKOO abbiamo confermato le stime già elaborate agli inizi della primavera che a loro volta confermano la visione elaborata ad inizio anno per il 2021.

 

L'inflazione USA è aumentata in aprile

WB ANALYTICS: EUR USD B_T

Come scritto nel focus dedicato all’atteggiamento congiunturale delle banche centrali rispetto alle loro linee di policy monetaria,  risulta evidente il diverso percorso dei regulators rispetto all’attuale fase di ripresa globale. La stessa divergenza politica che riscontriamo tra Stati Uniti e Cina dopo la pandemia è in netto contrasto con le conseguenze della crisi finanziaria globale. Recentemente, la Cina ha messo in guardia sull’impatto dei prezzi elevati delle materie prime, in particolare le commodity industriali,  sull’inflazione e la banca centrale avrebbe chiesto alle banche cinesi di restringere il credito per il resto dell’anno (vedi focus). La Pboc sta assumendo un ruolo molto meno accomodante.Abbiamo notato in precedenza che la crescita del credito della Cina potrebbe aver già raggiunto il picco durante il terzo trimestre del 2020 e abbiamo evidenziato l’impatto del rischio della riduzione della leva finanziaria sul rame, segnalando nel nostro WB PERSPECTIVES di inizio mese  e nell’OULOOK  WB RISKOO IIQ21 la correzione dei prezzi. Recentemente, le autorità cinesi hanno ripetutamente messo in guardia sulle pressioni inflazionistiche dovute all’aumento dei prezzi delle materie prime. Gli alti prezzi dei metalli pluriennali hanno iniziato a influenzare una serie di produttori, che hanno visto i margini ridotti poiché non sono stati in grado di trasferire i costi di input più elevati. Secondo quanto riferito, alcuni produttori di elettrodomestici hanno aumentato i prezzi dei prodotti, mentre altri hanno assorbito i costi più elevati o addirittura ridotto la produzione. Secondo il National Bureau of Statistics (NBS), l’indice dei prezzi alla produzione cinese (PPI), che misura il costo delle merci al gate della fabbrica, è salito del 4,4% su base annua a marzo, accelerando dall’aumento dell’1,7% a febbraio. I funzionari hanno citato l’aumento dei prezzi dell’energia e dei metalli come uno dei principali fattori alla base di questo.

GLOBAL GROWTH RECOVERY VERSO COMMODITY  INDUSTRIALI

L’atteggiamento della PBoC può influenzare i prezzi dei metalli?
Pensiamo che la Cina abbia assunto da anni un ruolo primario nell’orientare i prezzi delle commodity. Di conseguenza le mosse dei cinesi imprimono un elevato grado di dominio alla direzionalità dei prezzi.Nel caso della politica monetaria e delle conseguenze relative alla riduzione dell’effetto leva operato dal credito può produrre i riflessi secondo le modalità descritte:

  • In primo luogo, disinnesca o quantomeno raffredda l’azione speculativa, in particolare nei mercati onshore. Ciò potrebbe potenzialmente portare a una riduzione della domanda apparente, ovvero quella derivata dall’azione del trading, e mitigare di conseguenza la domanda da parte degli users. Ad esempio diversamente dalle evidenze in atto,  quest’anno potremmo assistere ad una riduzione delle importazioni rispetto al livello dell’anno scorso. Per capirlo è importante ricordare cosa è successo l’anno scorso. La Cina è diventata un importante importatore di metalli di base (principalmente rame e alluminio) nel 2020, il che ha contribuito ad assorbire l’eccesso di offerta nei mercati, gonfiando l’apparente domanda cinese. La forte domanda apparente, non solo la domanda reale, ha svolto un ruolo chiave nella ripresa dei prezzi dei metalli dallo scorso anno, come si è visto nella traiettoria del prezzo nei mercati LME o COMEX.
  • Le scorte, comprese le scorte dello State Bureau of Material Reserve cinese, ovvero le scorte commerciali sovvenzionate dal governo e altre scorte commerciali potrebbero consolidare i loro volumi. Osservando le dinamiche di prezzo abbiamo rilevato condizioni statistiche di ipercomprato che stiamo monitorando dallo scorso mese di marzo. Ci aspettiamo a breve quindi un ulteriore rallentamento dei prezzi secondo quanto abbiamo indicato ai nostri lettori nei rapporti di scenario.

Non escludiamo inoltre che qualora le pressioni inflazionistiche acquisissero ulteriore slancio, il governo potrebbe sviluppare misure concrete per far fronte all’aumento dei prezzi delle commodity industriali. Le potenziali misure possono includere un ulteriore inasprimento della crescita del credito in alcuni settori o persino il rilascio parziale di scorte di metalli da parte dell’SRB. abbiamo rilevato rumors non qualificati secondo cui l’SRB avrebbe liquidato quantitativi limitati di scorte di alluminio.

IL SENTIMENT DEGLI OPERATORI

Se si osservano i sondaggi Markit sul sentiment dei produttori ed users di metallo, vediamo ancora una crescita della fiducia sulla domanda. Pensiamo che il dato rilevato ad aprile sconti l’onda lunga del rialzo dei prezzi maturato negli ultimi sei mesi, declinando il loro peso con le notizie sulla crescita coniugata agli stimoli fiscali rilanciati recentemente dall’Amministrazione Usa.

GLOBAL GROWTH RECOVERY VS. MARKIT PMI METAL USERS

GLOBAL GROWTH RECOVERY VS. MARKIT PMI METAL USERS

GLOBAL GROWTH RECOVERY VS. MARKIT PMI METAL USERS

Come risulta evidente dall’osservazione dei due grafici, il rame ha innescato un’azione correttiva orientata a consolidare i valori. Sotto 8900/800 usd/ton – Copper A Grde LME – la correzione assume un rilievo più significativo. L’alluminio invece sta verificando il nostro secondo target rialzista fissato nell’Outlook Riskoo 20/2. Riteniamo anche in questo caso le condizioni quantitative possano dare corso ad una correzione di consolidamento della tendenza rialzista.

Per continuare a seguire la nostra ricerca sull’andamento delle commodity e rimanere aggiornati sul loro andamento iscriviti nella nostra Boarding List

GLOBAL GROWTH RECOVERY VS. COPPER

WB ANALYTICS: COPPER LME

GLOBAL GROWTH RECOVERY VS. ALLUMINIUM

WB ANALYTICS: ALLUMINIUM LME

 

 

RISKOO MARKET MOVER MONITOR

BCE il Consiglio di oggi deciderà per un nuovo incremento del piano Pepp? Quali decisioni prenderà sulla Forward Guidance?

Il mercato si concentrerà oggi sulle decisioni che il Board delibererà per catturare almeno due indicazioni: impatto della linea di policy sulla Forward Guidance e di conseguenza sull’utilizzo del programma Pepp.

ATTESE SULLE DECISIONI DEL CONSIGLIO BCE

A meno che il consiglio non aumenti la dotazione del programma Pepp, l’impatto sull’euro potrebbe essere limitato oggi. Tutt’al più ci aspettiamo un rimbalzo dei corsi.
Se invece il Board dovesse decidere per un ampliamento del programma di stimolo a sostegno delle difficoltà economiche causata dalla pandemia (opzione a cui non attribuiamo grande probabilità), l’euro  potrebbe mettere in discussione area 1,1845.

La conferenza stampa che prenderà il via alle 14.30 come sempre sarà seguita con grande attenzione per catturare eventuali modifiche o conferme della linea di policy seguita dalla BCE. Due sono i temi di cui il mercato attende dettagli: la Forward Guidance e l’utilizzo del Pepp.

E’ possibile che l’esito della giornata della BCE spinga l’eur usd verso una reazione più ampia di quanto non abbiamo visto dopo il test di area 1,1845 eur usd. Tuttavia al momento riteniamo che l’eventuale reazione dell’euro si inserisca in un quadro correttivo dopo il robusto recupero del dollaro messo a segno dagli inizi dell’anno.

IL RAPPORTO EUR USD SI GIOCA SU DUE PIANI BCE E FED

Verosimilmente sarà il Fomc della prossima settimana a dettare il passo per i mercati valutari. L’attenzione degli investitori si è trasferita dall’euro al dollaro dopo il recente rialzo dei rendimenti sul tratto lungo della curva USA. Il Tesoro americano dovrà impegnarsi su nuove importanti emissioni per sostenere il pacchetto di stimoli 1.900 miliardi di dollari che la Camera Usa ha dato il via libera finale. Tra le misure principali del piano, lo stanziamento di 400 miliardi per pagamenti diretti da 1.400 dollari a buona parte degli americani, 350 miliardi in aiuti allo Stato e ai governi locali, più finanziamenti per la distribuzione di vaccini. Washington intende raddoppiare i suoi ordini per il vaccino monodose Johnson & Johnson, procurandosi 100 milioni di dosi aggiuntive.

Le banche per assorbire le nuove emissioni attendono che la Fed proroghi le agevolazioni sulla SLR. La Federal Reserve finora si è rifiutata di dire se estenderà l’allentamento dei requisiti patrimoniali che aveva approvato per ridimensionare il panico sui mercati dello scorso anno. In base alla leva finanziaria supplementare (SLR), introdotta dalle riforme regolatorie post-2008, le banche devono possedere il 3,5% del capitale in rapporto agli attivi a prescindere dal rischio. La SLR era stata sospesa lo scorso anno per aiutare il sistema finanziario a gestire lo stress causato dalla prima ondata della pandemia. Dovrebbe essere reintrodotta a fine marzo (a meno che la Fed non decida altrimenti, durante il vertice del Federal Open Markets Committee la prossima settimana). Se non dovesse essere così, il Tesoro dovrà offrire tassi persino più alti sulle prossime emissioni. Il deficit da 2,3 billion di dollari previsto quest’anno dal Congressional Budget Office è quasi il doppio di quello che la Fed al momento promette di comprare tramite il suo programma di quantitative easing.

EFFETTI DEL DATO AGGIORNATO SULL’INFLAZIONE USA

Nel frattempo ieri il dato sull’inflazione ha parzialmente deluso quanti si attendevano un rialzo. La lettura ha fatto segnare un incremento mensile dello 0,1% rispetto l’attesa dello 0,2% portando il tasso annuale dal 1,4 all’1,3%.

L’OCSE stima una crescita statunitense del 6,5% per quest’anno, ancora nella parte conservativa del range di previsioni che implica un netto miglioramento dei ritorni sugli asset in dollari in generale ed in ogni caso ulteriori potenziali spinte inflative.

In ogni caso in merito al quadro generale,  ci aspettiamo nel breve un ridimensionamento parziale dei rendimenti sul 10 anni USA dopo il rally che, dai minimi di marzo dello scorso anno toccati a 0,35%, ha spinto il tratto lungo della curva a collaudare il nostro target per il primo semestre 2021 a 1,50%  (max 1,60). La correzione dovrebbe spingere il tasso a 1,35% nel breve; livello da cui ci attendiamo che si apra una fase di consolidamento e che probabilmente possa scontare l’ipotesi che la Fed proroghi le agevolazioni sulla leva finanziaria.

 

RISKOO MONITOR MARKET MOVER

RISKOO MONITOR MARKET MOVER

FX  Il dollaro ripiega dopo i dati positivi sull’inflazione. Intorno alle 7,45 il cross
eur/usd quota 1,1930 in rialzo dello 0,04%, l’euro/yen scambia a 129,75 a +0,36%, il dollaro scambia a 108,77 yen in rialzo dello 0,36%.

Nella sessione odierna ci aspettiamo che il cambio ritorni a collaudare l’area 1,20, salvo novità ultra accomodanti (non attese) decise nell’odierno meeting della BCE. Nel contempo l’euro rimane debole nei confronti della sterlina, anche se in ogni caso potrebbe subire la reazione della divisa europea e ritornare a verificare area ,8650.

Contro yen stiamo osservando con estrema attenzione area 130 dove si colloca in termini strategici un’importante livello tecnico.

BCE COSA DECIDERA' IL CONSIGLIO DI OGGI?

WB ANALYTICS: EUR USD B_T