Skip to main content

MARKET MOVER 26 GIUGNO 2018

Buongiorno,

nonostante l’operazione di immissione di liquidità da parte della PBoC pari ad oltre 100 miliardi di usd, la borsa di Shanghai conferma e consolida la rottura di quota 3000  accusata la scorsa settimana.  I mercati emergenti continuano a sofrire sia sul fronte equity che su quello obbligazionario in ossequio al rafforzamento del dollaro e  l’aumento, certamente non imputabile al recente passato, dell’indebitamento complessivo.  I segnali che stiamo rilevando sulla distribuzione in atto in molteplici indici azionaria (Emergenti ed Europa in particolare) rischia di defluire in una correzione più significativa. In effetti alcuni segnali di alert relativi alle strategie rialziste, Nock_Out,  evidenziati nel nostro Outlook  mensile, sono scattati o stano per essere attivati.

Come anticipato nel Market Mover di ieri, anche l’Europa inizia a consolidare seri segnali distributivi per i quali aumentano i timori di un reversal del trend dominante.

Il rapporto dollaro yen, che costituisce in tal senso un valido indicatore di avversione al rischio, continua a perdere posizioni confermando la rottura di 109.65.

Non si allinea per il momento alla correlazione borse deboli – dollaro forte, il rapporto eur usd. In altre parole continua la reazione dell’euro dopo il recente test dei minimi presenti in area 1,15. Il range di breve quota un limite a 1,1750 con un punto intermedio di sostegno a 1.1625.

 

Oggi si chiudono le registrazioni al nostro evento organizzato con AITI sul tema del Enterprise Risk management per le imprese che internazionalizzano il loro business. Oltre ai contenuti tecnici di education traccerò dal punto di vista del mercato dei cambi lo scenario che potrebbe aprirsi nel prossimo futuro in Europa con  i riflessi a livello Intermarket.
Gli spunti sono numerosi e densi di potenziali significati operativi anche sul fronte dell’organizzazione di un piano strategico di posizionamento delle aziende che detengono partite in divisa sia dal punto di vista del posizionamento competitivo nei mercati che da quello della gestione delle opportunità e difesa sui margini operativi.

MER 27 GIUGNO H. 16.30 IL PROCESSO DI RISK MANAGEMENT PER LE IMPRESE INDUSTRIALI seminario organizzato da Associazione Italiana Tesorieri d’Impresa ed ARPER
link  https://seminario-treviso.eventbrite.it

 

WB ANALYTICS: MSCI CHINA
WB ANALYTICS: MSCI CHINA
WB ANALYTICS: DAX WEEK
WB ANALYTICS: DAX WEEK

 

 

MARKET MOVER le notizie che aiutano la gestione del rischio di cambio
MARKET MOVER
le notizie che aiutano la gestione del rischio di cambio

TENSIONI SU INVESTIMENTI TECH E DAZI – A livello globale, continua ad essere in primo piano il rischio di una guerra commerciale. In particolare, a mandare in rosso i mercati finanziari sono state le dichiarazioni contraddittorie da parte di esponenti dell’amministrazione Trump riguardo l’imposizione da parte di Washington di limiti agli investimenti stranieri in aziende hi-tech americane, che saranno annunciati venerdì. Per il segretario al Tesoro Mnuchin non dovrebbero riguardare unicamente la Cina, ma “tutti i Paesi che cercano di rubare la nostra tecnologia”, mentre il consigliere al commercio della Casa Bianca Navarro ha successivamente dichiarato che l’obiettivo delle restrizioni sarà Pechino.

 

ASTE ITALIA – Inizia con l’offerta di Ctz e Btpei la tornata di aste di fine mese, cartina al tornasole dell’appetito per il debito italiano. A disposizione degli investitori fino a 3 miliardi complessivi del Ctz marzo 2020, del Btpei maggio 2023 e del Btpei settembre 2041. In chiusura di seduta, il Ctz sul secondario offriva un rendimento di 0,977% che, se confermato in asta, rappresenterebbe il massimo da gennaio 2014. Il round di collocamenti proseguirà mercoledì 27 giugno, quando verranno offerti 6,5 miliardi di Bot semestrali , mentre giovedì 28 giugno saranno messi a disposizione Btp a 5, 10 anni e Ccteu per un importo massimo complessivo di 6,5 miliardi di euro .

 

PROGRAMMA TRIMESTRALE – Di ieri sera, inoltre, l’annuncio che nel terzo trimestre il Tesoro lancerà nuovi benchmark Btp a 5, 7 e 10 anni

 

BTP – La carta italiana resta sotto pressione sui timori degli investitori per le politiche economiche annunciate dal nuovo governo Lega-M5s e il rischio che possano inasprire i rapporti con l’Europa, mentre la linea dura sull’immigrazione continua ad aumentare i consensi del partito di Salvini, come plasticamente dimostrato dai risultati dei ballottaggi delle amministrative. Lo spread Btp/Bund nel tratto decennale ripartirà da 249 pb dopo aver chiuso la settimana scorsa a quota 237 pb .

 

OFFERTA SPAGNA E FRANCIA – Sul primario in arrivo anche l’offerta via sindacato del nuovo benchmark decennale spagnolo 30 luglio 2028 . Possibile attività anche da parte di Parigi, che ha incaricato un pool di banche per l’emissione di un ‘green bond’ scadenza giugno 2039 .

 

BCE – In un’intervista al quotidiano francese ‘Le Figaro’, Coeurè ha spiegato che la Banca centrale europea acquisterà circa 15 miliardi di euro di bond al mese l’anno prossimo, utilizzando i rimborsi delle obbligazioni comprate nell’ambito del programma di quantitative easing, che terminerà alla fine del 2018.

 

ANGELONI SU BANCHE – In un colloquio con ‘Il Sole 24 Ore’ il membro del consiglio di vigilanza unico Angeloni avverte che l’aumento dello spread “colpisce le banche, aumentando i costi delle raccolta e consumando capitale per erogare credito all’economia”. Gli istituti di credito italiani ed europei, sottolinea Angeloni, sono oggi più solidi e capitalizzati rispetto al pre-crisi ed hanno meno crediti deteriorati in bilancio. In particolare, Angeloni riconosce i “grandissimi progressi” degli istituti di credito italiani nella riduzione degli Npl rispetto agli impieghi, rapporto sceso a fine 2017 a 11,1% dal picco di 17%. Ma la media della zona euro, sottolinea Angeloni, è di 4,9% e questo indica che l’azione di smaltimento degli Npl nel settore bancario italiano vada ancora completata.

GREGGIO – L’incertezza riguardo l’export dalla Libia spinge al rialzo i prezzi del greggio anche se i guadagni sono limitati dalla concreta possibilità che l’Opec decida di aumentare la produzione e dall’intensificarsi della disputa commerciale tra gli Stati Uniti e le altre principali economie mondiali. Intorno alle 7,20 i future sul Brent salgono di 10 centesimi a 74,83 dollari il barile; i derivati del Nymex guadagnano 20 centesimi a 68,28 dollari il barile.

 

FOREX – Il dollaro perde terreno nei confronti di yen ed euro, appesantito dai timori legati all’intensificarsi della disputa tra gli Stati Uniti e i principali partner commerciali di Washington. Il biglietto verde scivola a 109,54 yen da 109,76 yen della precedente chiusura , riportandosi nei pressi dal minimo da due settimane a 109,365 segnato ieri. La valuta Usa cede anche sull’euro, che sale a 1,1715 dollari da 1,1702 dollari dell’ultima chiusura ; lo yen, tendente a sovraperformare nelle fasi di avversione al rischio, sale sull’euro, che scivola a 128,36 yen da 128,46 yen della precedente chiusura .

 

TREASURIES – Chiusura in rialzo per i governativi Usa, con gli investitori che cercano di ripararsi dal rischio di una guerra commerciale globale e dalle crescenti divisioni nella zona euro, sia sui temi economici sia su quello dei migranti. Tali elementi potrebbero pesare sulla crescita globale ed indurre Federal Reserve ad astenersi da ulteriori rialzi dei tassi. Lo spread dei rendimenti Usa nel tratto 2-10 anni si è stretto fino a 33 pb, minimo dal 2007, complice la forte domanda verso le scadenza più lunghe in una fase di avversione al rischio. Il tasso del decennale Usa ha archiviato la seduta a 2,884% da 2,9% della chiusura di venerdì.

 

 

DATI MACROECONOMICI

ITALIA

Istat, povertà in Italia anno 2017 (10,00).

 

USA

CaseShiller aprile (15,00) – attesa 0,4% m/m; 6,8% a/a.

Fiducia consumatori giugno (16,00) – attesa 128,0.

 

ASTE DI TITOLI DI STATO

ITALIA

Tesoro offre 1,25-1,75 miliardi settima tranche Ctz scadenza 30/3/2020; 0,75-1,25 miliardi seguenti due Btpei: terza tranche scadenza 15/5/2023 e 24.ma tranche scadenza 15/9/2041.

 

EUROPA

Gran Bretagna, Tesoro offre Gilt 2037, cedola 1,75%.

 

USA

Washington, Tesoro offre titoli di Stato a 2 anni.

 

BANCHE CENTRALI

ITALIA

Banca d’Italia pubblica ‘Indagine sulle imprese industriali e dei servizi’ per il 2017.

 

EUROPA

Svezia, riunione board esecutivo Riksbank (9,00).

Zona euro, Bce pubblica pre-release Bollettino economico 4/2018 “Foreign direct investment and its drivers: a global and EU perspective” (10,00).

Zona euro, intervento de Guindos a Francoforte (14,00).

Zona euro, intervento Lane a Dublino.

 

USA

Birmingham, intervento presidente Fed Atlanta Bostic (20,00).

Houston, intervento presidente Fed Dallas Kaplan (19,45).

 

APPUNTAMENTI

ITALIA

Roma, “InternetDay2018”, presentazione quarto rapporto Agi/Censis “La società della conversazione” con Di Maio, Bongiorno, sottosegretaria Mef Castelli (8,30).

 

CITTÀ DEL VATICANO

Papa Francesco riceve Macron.

 

EUROPA

Bruxelles, Acea pubblica registrazioni veicoli commerciali Europa maggio.

Lussemburgo, riunione Consiglio Affari Generali.

Dublino, Lagarde in visita (12,30).

Vienna, Cancelliere Kurz riceve premier macedone Zaev (12,00).

 

USA

Washington, Trump riceve presidente Portogallo de Sousa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *