US DOLLAR IN CONSOLIDAMENTO. L’indice del dollaro ha chiuso quasi invariato a 94,00 durante la notte confermando l’apertura di una finestra di consolidamento.

Con i dati e gli utili statunitensi che supportano il sentiment degli investitori per ora, l’indice del dollaro sembra vulnerabile a te,mporanee prese di beneficio, senza sorprese negative. L’US Dollar  potrebbe rivisitare i minimi notturni a 93,75 oggi, ma solo una chiusura settimanale stasera sotto 93,50 suggerisce una correzione più profonda. Il forte posizionamento speculativo lungo del dollaro USA nei mercati dei futures probabilmente limiterà i guadagni oggi, poiché le posizioni lunghe sembrano al momento oggetto di realizzi.

Il dollaro USA è sceso in Asia, spingendo EUR/USD e GBP/USD in rialzo dello 0,10% a 1,1610 e 1,3687. Pertanto l’EUR/USD tenderà a rimanere nell’intervallo tra 1,1550 e 1,1650, mentre GBP/USD tende a risalire  salito attraverso la resistenza a 1,3680. Con commenti ancora più aggressivi provenienti dai funzionari della BoE, un nuovo test dei massimi notturni a 1,3730 rimane possibile. Una chiusura settimanale a tale livello conferma la spinta del cable verso 1,3800 la prossima settimana. Una nota di cautela va evidenziata sulla debolezza del dollaro USA  verso JPY: il cambio USD/JPY  ha continuato a salire a un massimo di 22 mesi a 113,90. Il gioco del differenziale di rendimento è molto vivo e un test di 114,50 sembra probabile la prossima settimana. L’acquisto di GBP/JPY, AUD/JPY e NZD/JPY viene spesso utilizzato per riflettere un sentimento positivo nei mercati valutari e dovrebbe significare che i cali di USD/JPY rimangono superficiali.

AUD/USD e NZD/USD hanno cavalcato le onde del miglioramento degli appetiti al rischio degli investitori durante la sessione americana.

In Asia, la PBOC è tornata oggi ad un fixing neutro di USD/CNY a 6,4386, dopo il fix leggermente più debole di ieri sul CNY. La People’s Bank of China (PBOC) ha rinnovato i prestiti a medio termine in scadenza oggi e ha lasciato i loro tassi invariati, 2,95% per i prestiti a un anno, rafforzando l’idea che possa essere necessario un allentamento monetario per sostenere l’economia tra i rischi di stagflazione.  Sembra che il sottile accenno della PBOC all’eccessiva forza del CNY sia stato ascoltato dai mercati locali. Tuttavia, non ci aspettiamo che emerga una tendenza all’indebolimento, poiché è probabile che l’elasticità dei prezzi delle esportazioni aumenti insieme alla bolletta energetica importata dalla Cina.

Il Won coreano si è rafforzato oggi dopo che la Bank of Korea ha trascorso la settimana a vendere dollari per difendere il livello di 1200,00. Il Bok’s Lee ha affermato che un rialzo dei tassi a novembre è possibile e di conseguenza l’USD/KRW è sceso a 1181,50. Ieri l’USD/KRW ha messo in scena una notevole rottura al ribasso attraverso il supporto a 1190,00 e il peggio è probabilmente passato per il Won per ora. Anche le valute regionali sono più forti oggi poiché il miglioramento del sentiment complessivo sui risky asset internazionale indebolisce il dollaro USA.

È probabile che il rapporto CFTC Commitment of Traders riveli ancora un pesante posizionamento lungo del dollaro USA rispetto alle principali valute. Un po’ di abbattimento dell’open interest  è probabilmente necessario prima che il rally del dollaro USA riprenda. Tuttavia, il tapering della Fed continuerà a governare le prospettive di mercato nel quarto trimestre, insieme alla crescente incertezza sui mercati dell’energia e sull’inflazione. Ciò manterrà l’ambiente favorevole alla forza del dollaro USA.

US DOLLAR IN CONSOLIDAMENTO IN ASIA

WB ANALYTICS: DOLLAR INDEX