BCE DECISION RATES  – Nella riunione odierna, il Consiglio direttivo ha deciso di riconfermare il proprio orientamento molto accomodante di politica monetaria:

Il tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali ei tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale rimarranno invariati rispettivamente allo 0,00%, 0,25% e -0,50%. Il Consiglio direttivo si aspetta che i tassi di interesse chiave della BCE rimangano ai livelli attuali o inferiori fino a quando non avrà visto le prospettive di inflazione convergere in modo robusto a un livello sufficientemente vicino, ma inferiore, al 2% entro il suo orizzonte di proiezione, e tale convergenza è stata costantemente riflessa nelle dinamiche inflazionistiche sottostanti.

Il Consiglio direttivo continuerà a effettuare acquisti di attività nette nell’ambito del programma di acquisto di emergenza pandemica (PEPP) con una dotazione totale di 1.850 miliardi di euro almeno fino alla fine di marzo 2022 e, in ogni caso, fino a quando non giudicherà che la fase di crisi del coronavirus sia al di sopra di. Poiché le informazioni in arrivo hanno confermato la valutazione congiunta delle condizioni di finanziamento e delle prospettive di inflazione effettuata alla riunione di politica monetaria di marzo, il Consiglio direttivo prevede che gli acquisti nell’ambito del PEPP nel trimestre in corso continueranno a essere effettuati a un ritmo significativamente più elevato rispetto al primo mesi dell’anno.

La bce rimane accomodante e conferma acquisto titoli programma PEPP

Il Consiglio direttivo acquisterà in modo flessibile in base alle condizioni di mercato e al fine di prevenire un inasprimento delle condizioni di finanziamento che non è coerente con il contrasto dell’impatto al ribasso della pandemia sul percorso previsto dell’inflazione. Inoltre, la flessibilità degli acquisti nel tempo, tra classi di attività e giurisdizioni continuerà a supportare la trasmissione regolare della politica monetaria. Se è possibile mantenere condizioni di finanziamento favorevoli con flussi di acquisto di attività che non esauriscono la dotazione nell’orizzonte di acquisto netto del PEPP, la dotazione non deve essere utilizzata completamente. Allo stesso modo, la dotazione può essere ricalibrata se necessario per mantenere condizioni di finanziamento favorevoli per aiutare a contrastare lo shock pandemico negativo sul percorso dell’inflazione.

Il Consiglio direttivo continuerà a reinvestire i pagamenti principali dei titoli in scadenza acquistati nell’ambito del PEPP almeno fino alla fine del 2023. In ogni caso, il futuro roll-off del portafoglio PEPP sarà gestito per evitare interferenze con l’appropriato orientamento di politica monetaria .

Gli acquisti netti nell’ambito del programma di acquisto di attività (APP) continueranno a un ritmo mensile di 20 miliardi di euro. Il Consiglio direttivo continua ad aspettarsi che gli acquisti mensili di attività nette nell’ambito dell’APP durino per tutto il tempo necessario a rafforzare l’impatto accomodante dei suoi tassi ufficiali e terminino poco prima che inizi ad aumentare i tassi di interesse chiave della BCE.

… Per il Consiglio Direttivo i rischi  esprimono ancora criticità al ribasso anche se i dati economici stanno progressivamente migliorando

Sebbene la ripresa della domanda globale e il considerevole stimolo fiscale sostengano l’attività globale e dell’area dell’euro, le prospettive economiche a breve termine rimangono offuscate dall’incertezza sulla recrudescenza della pandemia e sull’introduzione delle campagne di vaccinazione. I tassi costantemente elevati di infezione da coronavirus (COVID-19) e l’estensione e il rafforzamento associati delle misure di contenimento continuano a limitare l’attività economica a breve termine. In prospettiva, i progressi nelle campagne di vaccinazione e il previsto graduale allentamento delle misure di contenimento sostengono l’aspettativa di una ferma ripresa dell’attività economica nel corso del 2021. L’inflazione è aumentata negli ultimi mesi a causa di alcuni fattori idiosincratici e temporanei e di un aumento inflazione dei prezzi energetici. Allo stesso tempo, il PIL reale dell’area dell’euro è diminuito dello 0,7% nel quarto trimestre del 2020, attestandosi al 4,9% al di sotto del livello pre-pandemia dell’anno precedente. I dati economici in entrata, le indagini e gli indicatori ad alta frequenza suggeriscono che l’attività economica potrebbe essersi nuovamente contratta nel primo trimestre di quest’anno, ma indicano una ripresa della crescita nel secondo trimestre.

Il Consiglio conferma i piani di stimolo

Il mantenimento di condizioni di finanziamento favorevoli durante il periodo della pandemia resta essenziale per ridurre l’incertezza e rafforzare la fiducia, sostenendo in tal modo l’attività economica e salvaguardando la stabilità dei prezzi a medio termine. Le condizioni di finanziamento dell’area dell’euro sono rimaste sostanzialmente stabili di recente dopo l’aumento dei tassi di interesse di mercato all’inizio dell’anno, ma permangono rischi per condizioni di finanziamento più ampie. In questo contesto, il Consiglio direttivo ha deciso di riconfermare il proprio orientamento molto accomodante di politica monetaria.

Manterremo invariati i tassi di interesse chiave della BCE. Ci aspettiamo che rimangano ai loro livelli attuali o inferiori fino a quando non avremo visto le prospettive di inflazione convergere in modo robusto a un livello sufficientemente vicino, ma inferiore, al 2 per cento nel nostro orizzonte di proiezione, e tale convergenza si è costantemente riflessa nelle dinamiche inflazionistiche sottostanti.

 

RISKOO MONITOR MARKET MOVER

RISKOO MONITOR MARKET MOVER

Le reazioni del mercato alla conferenza stampa

BCE DECISION RATES

14.30 –  Le reazione dell’eur usd sono rimaste contenute ed inizialmente schiacciate sulla parte alta del range infraday 1,2060 con iniziali realizzi sull’euro. Un ridimensionamento del cambio scatta tuttavia soltanto sotto area 1,20. La BCE continuerà a guardare le implicazioni dei tassi di cambio per prevenire eventuali ripercussioni negative sull’inflazione. Ciò significa ancora una volta che il test di area 1,20 spinge la BCE a far sentire la propria voce al mercato in merito alla sua attenta vigilanza sull’andamento del cambio dell’euro. Come ribadiamo nello streaming ci aspettiamo che il cambio a seguito del breakout di 1,20 possa ritracciare il precedente rialzo ritornando verso i minimi di marzo inizio aprile.

BCE DECISION RATES

WB ANALYTICS: EUR USD B_T