Tra i MARKET MOVER MONITOR della settimana  spiccano gli aggiornamenti alle tendenze economiche in Cina, Giappone, Stati Uniti, Eurozona e Regno Unito domineranno questa settimana mentre i mercati cercheranno informazioni sullo slancio della crescita tra le condizioni che stanno portando alla soluzione della crisi sanitaria. In settimana si riuniranno anche alcune banche centrali per prendere decisioni sui tassi di interesse in Nuova Zelanda, Corea del Sud e Turchia.

MARKET MOVER MONITOR ASIA

La Cina riporterà il tasso di crescita annuale del PIL atteso in positivo nel primo trimestre, data la recessione economica registrata nello stesso periodo dello scorso anno quando la pandemia ha colpito e l’economia si è bloccata. La crescita potrebbe accelerare dal 6,8% nel quarto trimestre a circa il 19%, anche se il ritmo di espansione probabilmente si raffredderà nei restanti trimestri dell’anno. La Cina, tuttavia, continua a mostrare una forte espansione economica, principalmente grazie al suo successo nel controllo delle nuove epidemie di COVID-19. Le stime di consenso prevedono una crescita del 7,8% per il 2021 e un’espansione del 5,8% nel 2022. Sempre dall’Asia, in settimana arriveranno anche gli ordini di macchinari giapponesi, in particolare ci si attende che una maggiore crescita della produzione industriale contribuisca a compensare il malessere del settore dei servizi.

MARKET MOVER MONITOR. USA

Negli Stati Uniti tra i MARKET MOVER MONITOR della settimana  spiccano  i dati sulla produzione industriale e sulle vendite al dettaglio dovrebbero mostrare che l’economia risulta sostenuta da un forte slancio di crescita, mentre i dati dell’indagine manifatturiera di aprile delle federazioni di New York e Philadelphia, oltre al sentimento dei consumatori dell’Università del Michigan, forniranno approfondimenti sull’andamento dell’economia all’inizio del secondo trimestre, tra il lancio di vaccini in corso e il nuovo stimolo fiscale.

MARKET MOVER MONITOR EUROPA

Nel frattempo, l’introduzione del vaccino nella zona euro è stata lenta e ulteriori ondate di virus minacciano di frenare la crescita nel secondo trimestre. Nonostante ciò, la crescita record della produzione manifatturiera, la cui ripresa sembra essere confermata dai dati ufficiali di produzione in tutta l’area risulta di conforto. I dati sui prezzi al consumo possono mostrare segni di crescenti pressioni sui prezzi, anche se è probabile che l’inflazione di fondo rimanga contenuta.

Nel Regno Unito, si prevede che i dati sul PIL confermeranno che l’economia ha attraversato una fase di difficoltà durante il blocco, anche se i sondaggi PMI suggeriscono nuovi segni di vita poiché la domanda interna risulta sollevata dalla campagna dei vaccini. I dati commerciali saranno tuttavia tenuti d’occhio per trovare indizi sull’impatto della Brexit sul commercio dell’UE.

IL QUADRO ECONOMICO EMERSO LA SCORSA SETTIMANA

I dati macro di cui sopra saranno importanti soprattutto dopo la diffusione delle indicazioni pervenute la scorsa settimana.

PRODUZIONE INDUSTRIALE GERMANIA

Sono soprattuto i dati relativi alla produzione industriale in Germania e Francia a sollevare qualche timore, soprattutto in riferimento alla crescita del Pil nel primo trimestre.

L’industria tedesca, nonostante gli incoraggianti sondaggi PMI sul manifatturiero,  ha subito un altro colpo a febbraio, con la produzione industriale in calo dell’1,6% su base mensile, dal -2,0% su base mensile di gennaio. Nell’anno la produzione industriale è diminuita del 6,4%. Allo stesso tempo, le esportazioni hanno resistito sorprendentemente bene e sono aumentate dello 0,9% su base mensile, dall’1,6% su base mensile di gennaio. Il settore delle costruzioni ha continuato il suo pessimo inizio d’anno, registrando un calo dell’attività dell’1,3% su base mensile, da un calo devastante di oltre il 12% a gennaio.

I dati industriali di febbraio rendono difficile vedere come l’economia possa ancora sfuggire a una contrazione nel primo trimestre.

PRODUZIONE INDUSTRIALE FRANCESE

La produzione industriale francese è diminuita drasticamente a febbraio, nonostante nonostante anche in questo caso fossero preceduti da forti indicatori di fiducia. Questa spiacevole sorpresa mette in dubbio la speranza che il settore industriale sarà una forza trainante per l’economia francese nel primo trimestre e fa temere che la crescita del PIL sarà più debole del previsto.

Nel febbraio 2021, la produzione è diminuita nel manifatturiero francese (-4,6% dopo il + 3,3% di gennaio) e nell’industria nel suo complesso (-4,7% dopo il + 3,2%).

Rispetto a un anno fa, la produzione manifatturiera è diminuita del 7,1%, mentre la produzione industriale nel suo complesso è diminuita del 6,6% su un anno. Il calo di febbraio 2021 è dovuto principalmente alla produzione di mezzi di trasporto. La produzione sia di autoveicoli che di altre attrezzature di trasporto è crollata in un mese ed è ora rispettivamente del 13,5% e del 33,6% al di sotto dei livelli pre-crisi.

La carenza di chip è stata probabilmente una delle ragioni, ma anche i prodotti industriali e la produzione di beni capitali hanno subito un forte calo. Le costruzioni sono diminuite drasticamente nel corso del mese, del 6%, e ora sono del 4,7% al di sotto dei livelli pre-pandemici.

I dati di oggi suggeriscono che il PIL francese andrà peggio del previsto nel primo trimestre del 2021.

A nostro avviso, non possiamo aspettarci una crescita trimestrale positiva, con una crescita intorno allo 0% nella migliore delle ipotesi se si osserva una ripresa del settore a marzo. Se dovessimo assistere ad un ulteriore calo della produzione industriale a marzo, è improbabile che l’economia francese possa sfuggire a un  calo del PIL nel primo trimestre ed a una nuova recessione dopo il calo del PIL nel quarto trimestre del 2020.

LA VIEW DELLA BCE

L’ultima conferenza stampa della BCE ha lasciato molti partecipanti al mercato un po ‘perplessi sulla reazione della BCE. Le dichiarazioni rilasciate erano particolarmente edulcorate da aggettivi  “olistico”; per molti osservatori sono mancate  descrizione più nette di  come la BCE avrebbe reagito a fronte di una maggiore pressione inflativa e soprattutto ai rendimenti obbligazionari più elevati. Fortunatamente, diversi discorsi e alcuni post sul blog dalla conferenza stampa di marzo hanno chiarito l’attuale pensiero della BCE. A nostro avviso, un recente discorso del membro del consiglio di amministrazione della BCE Isabel Schnabel è diventato la migliore bussola che abbiamo potuto trovare per vedere dove sta puntando l’ago della BCE.

Quanto affermato dal membro del Consiglio, Isabel Schnabel, e quanto riflettono i verbali della riunione di marzo, indicano  che la BCE accetterà tassi nominali sul tratto lungo della curva più elevati a causa delle maggiori aspettative di inflazione. Quindi, finché i tassi reali rimangono stabili, va tutto bene. Qualsiasi aumento dei tassi reali sarà tollerato dalla BCE solo se riflette migliori prospettive di crescita. Di conseguenza, l’attuale funzione di reazione della BCE può essere riassunta come segue: fintanto che i rendimenti obbligazionari aumentano per buone ragioni, la BCE è rilassata. Se iniziano a salire per i motivi sbagliati, interverrà. Questo non è un vero controllo della curva dei rendimenti, ma piuttosto un limite morbido e mobile sui rendimenti.

Alla fine, il dibattito o addirittura la paura di un aumento dei rendimenti obbligazionari è stato un po ‘una tempesta in in un bicchiere d’acqua. In altre parole, i mercati finanziari hanno capito subito che l’accelerazione dell’inflazione nella zona euro era – e sarà – principalmente il risultato di fattori una tantum. Questo tipo di inflazione è piuttosto deflazionistico e sicuramente non è un motivo per cui la BCE reagisca a un inasprimento prematuro. Al contrario, la BCE ha chiarito che guarderà a qualsiasi aumento temporaneo dell’inflazione e non tollererà alcun inasprimento ingiustificato delle condizioni di finanziamento.

È da qui che proviene il caricamento anticipato degli acquisti di asset in merito ai programmi di sostegno a fronte della pandemia.

RISKOO MONITOR MARKET MOVER

RISKOO MARKET MOVER MONITOR 

La scorsa settimana l’eur usd ha visto una reazione verso l’area 1,1950 dove le negoziazioni hanno incontrato il cap atteso. Ci aspettiamo che le vendite sull’euro ritornino a prevalere in un quadro ancora positivo per il dollaro.

Le dichiarazioni di J. Powell rilasciate nel week end a 60 Minutes confermano anche da parte della Fed che l’Outlook sulla crescita statunitense sta assumendo dimensione  e struttura più che confortanti. Ciò lascia presagire che in futuro il Board possa modificare la propria comunicazione sulla guidance.

In merito al cambio in questi primi giorni della settimana ci concentreremo su quota 1,1870/60 dove transita il floor del questo mini range che controlla la reazione di eur usd.

MARKET MOVER MONITOR DELLA SETTIMANA

WB ANALYTICS: EUR USD B_T

RISKOO FX RISK MANAGEMENT MODEL