Superate le elezioni il mercato ritorna a concentrarsi su alcuni temi di carattere economico altri più squisitamente finanziario.

In Europa abbiamo la lettura dei dati sui consumatori. In Germania il rapporto di GFK ha messo in evidenza un ulteriore segnale di indebolimento della fiducia con una revisione al ribasso anche per il mese precedente.  Sono diversi i Paesi del blocco chiamati a diffondere in mattinata i numeri relativi alla fiducia dei consumatori. Oltre a Francia, Germania e Portogallo verrà reso noto anche il dato della zona euro. Le attese in quest’ultimo caso sono per -6,5 da -7,9 di aprile. Sempre in mattinata la lettura di maggio dell’economic sentiment con attese per 104, valore identico al mese precedente. Lo stesso rapporto sarà pubblicato negli Stati Uniti nel pomeriggio. Il dato è atteso in crescita da 129,2 a 130,1. Il dato avrà un attenzione significativa. Nell’ultimo periodo hanno perso momentum tutti gli indicatori di sentiment sul manifatturiero lasciando intravvedere un consolidamento dei segnali di rallentamento della crescita. Un dato positivo sul fronte dei consumatori può essere di ristoro per i mercati.

In italia abbiamo la lettura della bilancia commerciale: il dato mette in evidenza per il mese di aprile una diminuzione del saldo export import dai 3,42 miliardi di euro dell’ultima rilevazione (marzo) con un valore che rimane comunque in surplus a quota 1,89 miliardi.

WB ANALYTICS: BILANCIA COMMERCIALE ITALIANA APRILE 2019

WB ANALYTICS: BILANCIA COMMERCIALE ITALIANA APRILE 2019

 

COMMERCIO USA-GIAPPONE – Secondo il ministro dell’Economia giapponese, Toshimitsu Motegi, le dichiarazioni di Trump su un accordo commerciale con Tokyo, probabilmente in agosto, riflettono le speranze del presidente Usa di rapidi passi in avanti nel negoziato. Ieri dopo aver incontrato il premier Abe, Trump ha detto che Stati Uniti e Giappone sperano di poter annunciare molto presto un accordo sul commercio.

Sul fronte finanziario gli investitori si apprestano a mettere a fuoco i temi che saranno approfonditi nel prossimo meeting della BCE. In quella sede verranno  rese note le modalità di funzionamento del prossimo TLTRO per le banche. Alcune indiscrezioni  riportano che la Banca centrale europea dovrebbe fissare condizioni più rigide del passato per i nuovi prestiti alle banche. A dirlo in un’intervista a Reuters è Ardo Hansson, membro del consiglio direttivo dell’istituto centrale, il quale esprime anche scetticismo sulla proposta di compensare le banche per il costo dei tassi di interesse negativi. A breve si riaprirà inoltre il dibattito e le ipotesi sul nuovo governatore della BCE in sostituzione di Mario Draghi. Sulla base degli esiti elettorali emerge la figura di un candidato tedesco Hans Weidmann (Buba) o uno vicino alla Germania.

In primo piano infine ci sono le attese per la lettera che secondo alcuni media la Commissione si appresta ad inviare al Governo italiano in merito alle procedure di infrazione per eccessivo deficit. Il BTP e lo spread hanno reagito con un rialzo che al momento non va oltre i livelli di attenzione che ci siamo dati in area 290 per lo spread, 2,80 per il 10 anni BTP.

L’eur usd ritorna ad essere trattato con i mercati aperti ovunque dopo la pausa di ieri per le chiusure di NY e Londra.

Si tratta del primo test post voto. Attendiamo una verifica del range 1.1180/1.1150 eur usd.

Sempre sul fronte del rischio cambio rileviamo questa mattina una caduta dell’euro nei confronti della corona svedese. Ci attendiamo un test di area 10,60 eur sek: la violazione riporterebbe l’euro in una nuova condizione di debolezza. Nonostante i dati deboli sul fronte macro (bilancia commerciale svedese con segnali sul fronte export in peggioramento e consumi) la corona stamattina si rafforzata sull’euro peformando oltre le normali soglie di volatilità. Normalmente ciò accade quando i mercato avvertono l’esigenza di parcheggiare liquidità al di fuori dell’euro su monete rifugio. Sia la corona norvegese che quella svedese stanno migliorando negli ultimi giorni il rapporto contro euro.

 

WB ANALYTICS: SPREAD 10 ANNI BTP BUND

WB ANALYTICS: SPREAD 10 ANNI BTP BUND